Gli affreschi di Mariella Ricca, quando l’arte diventa complemento d’arredo

Gli affreschi di Mariella Ricca, quando l’arte diventa complemento d’arredo
30 marzo 2018

Da qualche anno a questa parte tutti i settori professionali si sono aperti a sinergie che hanno creato diversi modi di intendere e di vedere i differenti campi di azione in modo più ampio, e l’arte è forse tra quelli che più di tutti è riuscita a rompere le barriere in cui era relegata, quelle tradizionali delle gallerie e dei musei, entrando in ambiti anche a volte inaspettati ma che sono stati notevolmente arricchiti dall’espressione creativa. Mariella Ricca è un chiaro esempio di quanto l’arte, nel caso specifico classica, si possa perfettamente armonizzare in contesti moderni e contemporanei perché il nuovo non può, e in fondo non vuole, dimenticare il passato. Parte dalla pittura la Ricca, quella rinascimentale, e si misura inizialmente con le copie d’autore, principalmente di Caravaggio ma anche di altri pittori del XVII secolo. I suoi studi artistici la portano successivamente ad appassionarsi al Rinascimento e a sviluppare una propria linea chiaramente ispirata in particolar modo a Michelangelo soprattutto nella scelta dei temi e dei soggetti raffigurati, angeli e miti, che in lei però divengono meno mistici, più contemporanei, più assorbiti dalle ingiustizie e i tormenti di oggi che non da quelli di ieri.

Residenza privata (9)

Un percorso artistico costellato di successi il suo che negli ultimi tempi è sfociato in una nuova derivazione, forse da lei stessa inimmaginata, e che in qualche modo la avvicina ancor di più ai maestri del Rinascimento a cui si ispira. Infatti esegue veri e propri affreschi all’interno di dimore private ma anche di esercizi commerciali i cui titolari desiderano arricchire le pareti dei propri locali con la bellezza dell’arte più tradizionale, quella che incanta proprio grazie all’effetto di rottura con il presente permettendo allo sguardo di fare un salto indietro verso un passato che fa parte della storia del nostro paese. Ecco dunque che in una pizzeria di Siracusa è possibile ammirare il bellissimo decoro di putti che tengono in mano spighe di grano; un forno invece ha un affresco a parete intera in cui vengono raffigurate donne impegnate nella raccolta del prezioso bene naturale che si trasforma poi nella fondamentale farina; e ancora, un fruttivendolo ha scelto le nature morte per descrivere con immagini ciò che si trova quotidianamente nel suo negozio, come a voler immortalare la sua vita quotidiana.

Mariella Ricca mentre affresca la pizzeria a Siracusa (1)

Sono moltissimi i lavori commissionati a Mariella Ricca, artista di grande talento e dal tocco figurativo particolarmente degno di nota, ed è proprio nelle residenze private che è più evidente la sua maestria descrittiva; il suo compito inizia con l’incontro con i committenti attraverso il quale si confronta su quale siano i loro gusti e preferenze anche in base all’arredamento delle case. C’è da dire che, nella maggior parte dei casi le viene concessa carta bianca proprio per far sì che la sua creatività non venga condizionata da regole o limiti che, si sa, in qualche modo frenano la vena artistica; le opere più belle sono state eseguite in dimore arredate con mobili moderni o addirittura di design, dove gli affreschi di Mariella Ricca avevano il compito di infrangere in modo netto quell’equilibrio di stile e dar vita a un salto indietro in un altro tempo e in un altro spazio. Le sue creazioni figurative sono complete di cornici, ovviamente sempre e solo rigorosamente affrescate, e di decori geometrici, laddove richiesti dai proprietari delle residenze, che completano la parete mettendo ancor più in risalto l’immagine principale descritta.

Le pareti vibrano di poetica, si arricchiscono di colori, di immagini che ne evocano altre della memoria collettiva, di momenti di vita antica che a volte è necessario avere davanti agli occhi per non perdere il contatto con ciò che c’era prima di adesso, raffigurazioni classiche che entrano di diritto nella vita contemporanea proprio per quell’idea di immortalità a cui l’arte da sempre tende. Spesso alcuni dettagli di colonne sono impreziositi in foglia oro, per dare maggior risalto all’eleganza delle pareti accanto a cui si trovano, per enfatizzare l’eccentricità e il privilegio di avere in casa grandi immagini che ricordano le dimore di lusso delle famiglie nobili dei secoli precedenti al nostro. Esistono anche lavori in cui i committenti hanno espressamente richiesto affreschi più moderni ma la Ricca si esprime al meglio quando dà voce alla sua vena classica, la rende più ispirata, più a suo agio. Mariella Ricca nel corso della sua carriera come pittrice ha partecipato a numerose mostre collettive in tutto il territorio nazionale ed è stata protagonista di molte personali che le hanno permesso di essere notata da celebri galleristi e dai più importanti critici d’arte, tra cui Vittorio Sgarbi, tutti molto colpiti dal suo stile particolare. Dal 2016 insegna pittura presso l’Università delle Tre Età di Priolo Gargallo.

 

Mariella Ricca

Email: mariella-ricca@alice.it

Facebook: https://www.facebook.com/RICCA-Mariella-1640122686244270/

Leggi anche:
A Natale è di nuovo magia con "Il Ritorno di Mary Poppins"

 

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti