Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene ora sono Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco

Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene ora sono Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco
7 luglio 2019

“Le colline del prosecco” di Conegliano e Valdobbiadene “da oggi sono Patrimonio Mondiale dell’Umanita’ dell’Unesco. Grazie alla loro bellezza paesaggistica, culturale, agricola unica e al gran lavoro promozionale di squadra del sistema-Paese”. Lo annuncia su Twitter il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi. La proclamazione e’ avvenuta oggi a Baku (Azerbaigian), in occasione della 43 sessione del Comitato del Patrimonio mondiale Unesco, con delibera unanime dei 21 Stati membri del Comitato, a conferma dell’alta qualita’ della candidatura italiana. Il risultato prova anche la posizione di primissimo piano che l’Italia riveste in seno all’Unesco.

“Le splendide Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene sono da oggi il 55mo sito italiano iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanita’ dell’Unesco – prosegue Moavero -. Con la decisone dell’apposito Comitato di selezione Unesco, si riconosce il valore universale di un paesaggio culturale e agricolo unico, scaturito da una straordinaria, sapiente interazione tra un’attivita’ produttiva di eccellenza e la natura di un territorio affascinante”, conferma il ministro.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Mancini, mia Italia vuol fare qualcosa speciale


Commenti