Le immagini più belle della prima Mille Miglia Green

Loading the player...
8 ottobre 2019

Alla guida di una Tesla Model 3 Performance, l’equipaggio numero 25 composto dalla coppia di Moncalieri Gianmaria Aghem e Rossella Conti, ha vinto la prima edizione della 1000 Miglia Green, la prima gara di regolarità in puro stile 1000 Miglia dedicata a vetture elettriche o ibride, contemporanee e qualcuna anche storica rimotorizzata. Alle spalle dei favoriti della vigilia, si è classificata la Renault ZOE dell’equipaggio viterbese di Orte Ermanno De Angelis e Annunziata Del Gaudio. Sul terzo gradino del podio la Mercedes Benz eqc condotta dalla giornalista padovana Savina Confaloni insieme al co-driver romano Francesco Meneghini. I 35 equipaggi provenienti da 5 diversi Paesi europei (Italia, Germania, Francia, Olanda e Svezia), hanno acceso i loro silenziosi motori lo scorso venerdì 27 settembre 2019 nel centro di Brescia per arrivare all’autodromo di Lainate dopo aver attraversato la Franciacorta, Bergamo e il villaggio-operaio di Crespi D’Adda, dove le auto hanno sostato per la ricarica.

Grande interesse e riscontro di pubblico a Milano, dove le auto “green” sono arrivate ieri sera a piazza Gae Aulenti e sono ripartite questa mattina attraversando i luoghi simbolo della capitale economica d Italia. La carovana di auto della 1000 Miglia Green ha fatto rivivere insieme la storia e il futuro della mobilita elettrica e sostenibile attraverso modelli unici come la La Detroit Electric Model 95 del 1924 – la vettura più antica – insieme a modernissime Tesla, Porsche Panamera E 4 Hybrid, Mercedes EQC, Smart, Mini, Hyundai, Nissan, Polestar e non solo. “La prima edizione della 1000 Miglia Green è stato un grande successo che ci riempie di orgoglio – ha commentato Franco Gussalli Beretta, presidente 1000 Miglia Srl – per la grande partecipazione e passione degli equipaggi oltre che per il valore in termini di innovazione, sostenibilità e visione che 1000 Miglia Green ha portato alle comunità coinvolte e all’intero settore automotive”.

“Un grazie di cuore a equipaggi e staff – ha aggiunto Alberto Piantoni, amministratore delegato 1000 Miglia – per aver reso possibile una tre giorni di gara unica al mondo che ha unito passato e futuro dell auto elettrica in un percorso tra le più suggestive strade della Lombardia. 1000 Miglia Green – ha concluso Piantoni – è stata anche l occasione per discutere con i principali player dell industria automotive italiana del futuro di questo settore chiave per l intera filiera economica del Paese”. Piantoni ha annunciato che l esperienza della 1000 Miglia Green sarà ripetuta nel 2020 e che l’obiettivo a lungo termine è quello di far confluire questa competizione con la storica 1000 Miglia quando la capacità di ricarica delle auto elettriche e le infrastrutture consentiranno percorrenze più lunghe.

Leggi anche:
Siria, funerali di Hevrin Khalaf l'attivista per le donne uccisa

La 1000 Miglia Green è stato un evento sostenibile a 360 gradi: non solo le vetture in gara ma anche quelle dell organizzazione e quelle accreditate saranno elettriche o ibride. L’impatto ambientale dell evento sara analizzato at- traverso uno studio complessivo sulle emissioni dei gas (GHG) che hanno impatto sul clima. Saranno sommati i consumi dei veicoli partecipanti, del trasporto merci e dello staff, ma anche quelli relativi ai materiali necessari alla manifestazione come ad esempio quelli di comunicazione e marketing. Tutti i materiali di gara sono prodotti con materiali a basso impatto ambientale: pass personali e bolli adesivi sono in plastica riciclata, il roadbook in carta riciclata, i materiali di comunicazione in carta materica, la cartellonistica direzionale in legno, i premi in vetro e plexiglass riciclato, giacche a vento in materiale riciclato, t-shirt e felpe in cotone organico.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti