Legittima difesa, ancora scontro Salvini-Anm. E sale la tensione nel M5s

Legittima difesa, ancora scontro Salvini-Anm. E sale la tensione nel M5s
Matteo Salvini e Francesco Minisci
28 febbraio 2019

Nuovo scontro tra Matteo Salvini e l’Associazione nazionale dei magistrati. Tema del ‘contendere’ la legittima difesa, il cui esame in Aula alla Camera e’ slittato di una settimana e se ne riparlera’ martedi’ prossimo. Dopodiche’, il provvedimento dovra’ tornare al Senato per l’ultima lettura. Un ritardo che, pero’, per il titolare del Viminale non compromette l’approvazione della riforma: sara’ legge entro marzo, garantisce. Per l’Anm, invece, il rinvio “e’ una buona notizia, speriamo che sia sine die”, afferma il presidente dell’Associazione Francesco Minisci. E qui e’ la replica del vicepremier ad arrivare a stretto giro, ed e’ tranchant: “Sentire il presidente dell’Anm che dice ‘non vogliamo che legge sulla legittima difesa si faccia’ e’ di una gravita’ assoluta. Candidati alle elezioni e fatti eleggere dalla sinistra. Non penso spetti a un magistrato decidere quali leggi bisogna fare… E poi saremmo noi quelli che mettono a rischio la democrazia”, scandisce Salvini.

La Lega, pero’, deve fare i conti con i malumori crescenti all’interno degli alleati 5 stelle. Il rinvio di una settimana dell’esame alla Camera, del resto, era stato deciso proprio per evitare tensioni nel Movimento, dopo il nuovo risultato insoddisfacente alle regionali in Sardegna. E non e’ un mistero che la riforma targata Lega non ha mai convinto del tutto una parte dei pentastellati che gia’ durante l’esame al Senato tentarono di depotenziarla, per poi riallinearsi. Il testo, almeno ufficialmente, resta blindato, tanto che nessun emendamento, nemmeno a prima firma M5s, e’ stato presentato. Ma nella maggioranza c’e’ ora chi teme che i malpancisti pentastellati possano tentare il blitz in Aula, anche se i numeri sono dalla parte della Lega: e’ scontato, infatti, il voto favorevole di Forza Italia e FdI, come gia’ successo al Senato.

Leggi anche:
Borrelli e il pool anticorruzione, "duello" con la politica e quel "Resistere"

Il Guardasigilli Alfonso Bonafede traquillizza: “Nessun far west” e garantisce: “Non vedo l’ora che venga approvata, e’ una legge in cui M5s e Lega si sono confrontati e hanno trovato un punto di equilibrio su una buona legge che va approvata”. Dal Pd critiche severe nei confronti del ministro dell’Interno e del Guardasigilli: “Il ministro della Giustizia ancora una volta non difende il principio dell’indipendenza della magistratura dagli attacchi di un personaggio come Salvini, che usa come una clava – con cinismo e nessun rispetto istituzionale – il suo ruolo di ministro dell’Interno. Attacca la magistratura quando questa interviene con sentenze ed esecuzioni sui 49 milioni rubati dalla Lega. Sfida i magistrati (e scappa dai processi) quando questi indagano sulle sue violazioni di diritti umani di persone disperate e sfrenate. E oggi manganella la magistratura quando questa esprime contrarieta’ a un provvedimento pericoloso e incostituzionale”, afferma il dem Walter Verini.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti