L’Inter cade a Cagliari, terzo posto in bilico

L’Inter cade a Cagliari, terzo posto in bilico
1 marzo 2019

Impresa del Cagliari alla Sardegna Arena: Ceppitelli e Pavoletti stendono l’Inter e regalano ai rossoblu’ una vittoria da ricordare. E che vale mezza salvezza. Male, malissimo i nerazzurri: pareggiano con Lautaro, ma poi annegano nei loro problemi. Nel finale un palo per Lautaro, ma anche un rigore sbagliato per Barella. E negli ultimi minuti la mossa della disperazione di Spalletti e’ Ranocchia centravanti, che non puo’ cambiare il 2-1 finale. Ora l’Inter rischia il terzo posto: sembrava essersi ricompattata. E invece e’ ripiombata giu’. Merito anche di un Cagliari che corre e che gioca. La squadra di Maran parte molto alta in pressing. E l’Inter soffre dai primi minuti in fase di impostazione. Non nitide, ma tutte dei rossoblu le prime occasioni della partita.

I nerazzurri, quando spingono, si fermano sempre sul piu’ bello. Non funziona in nessuna delle due fasi il tandem Vecino-Brezovic. E il Cagliari riparte sempre forte perche’ Barella e’ lucido e veloce. Dopo il momento di commozione e omaggio per il ricordo di Davide Astori la gara va avanti secondo lo schema iniziale. Sino a che non arriva il gol. E’ il 31′: punizione da destra di Cigarini, Ceppitelli sale piu’ su di Perisic e di testa infila Handanovic. Il portiere nerazzurro un minuto dopo salva l’Inter dall’uno-due di Joao Pedro, poi Farago’ sbaglia. L’Inter risorge, pero’, in sette minuti: al 38′ cross di Nainggolan e Lautaro, sul primo palo, brucia di testa Ceppitelli e Cragno. Bravo il difensore, ma l’Inter conferma la sua stagione no sulle palle inattive. C’e’ ancora una buona occasione per il Cagliari. Ma Farago’ sbaglia per la seconda volta. L’Inter non sente puzza di bruciato e al 42′ cade per la seconda volta : cross da destra di Srna e girata al volo di Pavoletti che se ne va proprio all’angolo alla sinistra di Handanovic.

Leggi anche:
Juve-Fiorentina a Pasqua, Inter-Roma a Guida

Ripresa quasi ovvia con l’Inter padrona del campo e il Cagliari che prova a non farsi schiacciare. L’occasione buona per pareggiare ce l’ha presto Politano, bravo da solo ad aprire la difesa, ma non a insaccare solo davanti a Cragno, prodigioso nella respinta a terra. Spalletti prova a cambiare uno dei centrali, Vecino, con Borja Valero. Qualcosa migliora nella circolazione della palla ma far arrivare la palla dalle parti di Lautaro non e’ facilissimo. Anche se l’argentino comunque al 33′ la prende e, sempre di testa, per poco non fa gol. Lautaro prende anche un palo al 41′, forse la deviazione di Cragno e’ decisiva. E Spalletti, che non ha altre punte, la finisce con Ranocchia centravanti. L’occasione per chiudere la partita e’ pero’ del Cagliari. Rigore per il Cagliari al 45′ (Skriniar su Despodov): Barella tira incredibilmente alto.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti