L’Italia ribalta anche la Bosnia, Euro 2020 e’ vicino

L’Italia ribalta anche la Bosnia, Euro 2020 e’ vicino
12 giugno 2019

L’Italia batte in rimonta per 2-1 la Bosnia nel torneo di qualificazione per Euro 2020 e rimane a punteggio pieno. E’ prima del suo girone con 12 punti in 4 incontri e compie un grosso passanti avanti verso la qualificazione. Non c’e’ tre senza quattro. L’Italia batte anche la Bosnia (2-1) e centra la quarta vittoria consecutiva in quest’inizio di cammino verso Euro 2020. All’Allianz Stadium di Torino, Dzeko porta avanti i bosniaci nel primo tempo, ma nella ripresa ci pensano Insigne e Verratti a firmare la rimonta che porta gli azzurri a quota 12 punti in vetta al Gruppo J, sempre a tre lunghezze di distanza dalla Finlandia, vincente con il Liechtenstein. Una gara tosta per la banda di Mancini, a tratti sofferta ma giocata su buoni ritmi e facendo vedere sprazzi di ottimo calcio. In luce ancora una volta Insigne, folletto napoletano autore di un altro splendido gol e di un assist vincente.

Sono tre le novita’ nella formazione azzurra rispetto alla gara con la Grecia: Mancini al posto di Florenzi lungo la fascia destra, poi il doppio cambio in attacco con Bernardeschi e Quagliarella che prendono rispettivamente il posto di Chiesa e Belotti. Tra le fila bosniache, invece, da sottolineare il ritorno dal primo minuto di Pjanic dopo un turno di squalifica scontato la scorsa gara con la Finlandia. I ritmi sono altissimi nelle prime battute di gara: i primi a rendersi pericolosi sono gli azzurri con Quagliarella, che al 3′ trova lo spiraglio per esplodere il destro, pero’ troppo strozzato e indirizzato sul fondo. Non c’e’ un attimo di sosta e al 17′ torna a farsi vedere l’Italia con un tiro di Bernardeschi murato dalla difesa, ma il vero intervento provvidenziale lo fa Bonucci dall’altra parte, immolandosi sul destro a botta sicura di Visca, liberato al tiro da un buon passaggio di Dzeko.

Al 32′ il tandem bosniaco si ripete a ruoli invertiti e stavolta colpisce: Visca sfonda a destra e mette al centro una palla d’oro che Dzeko deve solo spingere in rete da pochi passi trasformandola nel gol dell’1-0. La reazione azzurra, piu’ di nervi che di testa e qualita’, trova quasi i suoi frutti al 41′, quando Quagliarella esplode un gran destro dal limite parato egregiamente e deviato in corner da Sehic. Le emozioni continuano subito in avvio di ripresa: la Bosnia sfiora il raddoppio dopo pochi istanti, poi al 49′ arriva il magnifico pareggio di Lorenzo Insigne, che su corner di Bernardeschi si coordina al volo e trafigge il portiere con una splendida conclusione che vale l’1-1.

Leggi anche:
Di Biagio addio U.21: "Colpa mia ma non è fallimento"

La squadra di Prosinecki pero’ non ci sta e continua a spingere come se nulla fosse successo, impensierendo Sirigu con Saric, Visca e poi Dzeko, tutti senza trovare fortuna. Al 70′ e al 72′ torna a farsi vedere pericolosamente l’Italia ancora con Insigne e successivamente con Chiellini, autori entrambi di due colpi di testa troppo centrali su cui Sehic fa buona guardia. Nel finale gli azzurri premono sull’acceleratore alla ricerca del gol vittoria, che arriva all’86’ grazie al destro piazzato di Verratti su assist di Insigne. E’ un’esplosione di gioia immensa da parte di tutto l’Allianz Stadium, la Nazionale italiana sembra aver riunito finalmente il suo popolo.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti