Contro “Lucifero”, mangiare leggero e bere molto

Loading the player...
1 agosto 2017

La temperatura percepita tocchera’ domani 40 gradi a Roma, Firenze e Napoli. E’ quanto emerge dal bollettino del ministero della Salute sulle ondate di calore. Il picco piu’ alto, al momento, e’ quello segnalato per dopodomani a Frosinone, con 45 gradi. Il Lazio e’ la regione in cui le temperature percepite saranno, tra domani e giovedi’, le piu’ alte del Paese: 42 gradi a Roma giovedi’, 44 gradi a Frosinone domani, 41 a Latina (42 giovedi’), 41 a Viterbo in entrambi i giorni, 40 a Rieti giovedi’ (39 domani), tra i 38 e i 39 a Civitavecchia. Per quanto riguarda il resto della Penisola, il bollettino del ministero segnala 40 gradi di temperatura percepita a Napoli sia domani che dopodomani, mentre a Firenze giovedi’ 3 agosto si raggiungeranno i 41 gradi. Quaranta gradi previsti anche a Perugia giovedi’, gli stessi segnalati per domani a Pescara, dove il 3 agosto la temperatura percepita sara’ di 41 gradi. Gran caldo anche al nord (temperature tra i 38 e i 39 gradi a Milano, 38 a Bologna, 39 a Torino, 37 a Venezia e Trieste), dove Genova risulta la citta’ piu’ ‘fresca’ con 34 gradi percepiti, mentre a Bolzano giovedi’ si raggiungeranno i 37 gradi e a Brescia e Verona i 38. Si sfioreranno poi i 40 a Catania, Reggio Calabria e Campobasso (39 gradi), Palermo, Bari, Cagliari e Messina (38 gradi). Ad Ancona in entrambi i giorni sono previsti 36 gradi percepiti.

L’arrivo di Lucifero con le sue temperature fino a 40 gradi in tutta Italia fa scattare l’allarme salute per le categorie piu’ a rischio ovvero, bambini, anziani e le persone affette da malattie croniche. Il livello 3 delle ondate di calore comunque, sta ad indicare condizioni di emergenza con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio. Tanto piu’ prolungata e’ l’ondata di calore, tanto maggiori sono gli effetti negativi attesi sulla salute. Sul sito del ministero della Salute sono riportati i consigli e le accortezze da seguire in questa stagione per non farsi sopraffare dall’afa. Eccoli: Consulta ogni giorno il Bollettino della tua citta’; evita l’esposizione diretta al sole nelle ore piu’ calde della giornata (tra le 11.00 e le 18.00); evita le zone particolarmente trafficate, ma anche i parchi e le aree verdi, dove si registrano alti valori di ozono, in particolare per bambini molti piccoli, gli anziani, le persone con asma e altre malattie respiratorie, le persone non autosufficienti o convalescenti; evita l’attivita’ fisica intensa all’aria aperta durante gli orari piu’ caldi della giornata; trascorri le ore piu’ calde della giornata nella stanza piu’ fresca della casa, bagnandoti spesso con acqua fresca; utilizza correttamente il condizionatore. Se hai solo il ventilatore utilizzalo seguendo alcuni accorgimenti (leggi l’opuscolo Come migliorare il microclima delle abitazioni); trascorri alcune ore in un luogo pubblico climatizzato, in particolare nelle ore piu’ calde della giornata; indossa indumenti chiari, leggeri, in fibre naturali (es. cotone, lino), riparati la testa con un cappello leggero di colore chiaro e usa occhiali da sole; proteggi la pelle dalle scottature con creme solari ad alto fattore protettivo; bevi liquidi, moderando l’assunzione di bevande gassate o zuccherate, te’ e caffe’.

Evita, inoltre, bevande troppo fredde e bevande alcoliche; segui un’alimentazione leggera, preferendo la pasta e il pesce alla carne ed evitando cibi elaborati e piccanti; consuma molta verdura e frutta fresca. Fai attenzione alla corretta conservazione degli alimenti deperibili (es. latticini, carne,) in quanto elevate temperature possono favorire la proliferazione di germi patogeni causa di disturbi gastroenterici; se assumi farmaci, non sospendere autonomamente terapie in corso, ma consulta il tuo medico curante per eventuali adeguamenti della terapia farmacologica; fai attenzione alla corretta conservazione dei farmaci, tienili lontano da fonti di calore e da irradiazione solare diretta e riponi in frigo quelli che prevedono una temperatura di conservazione non superiore ai 25-30°C; se l’auto non e’ climatizzata evita di metterti in viaggio nelle ore piu’ calde della giornata (ore 11.00-18.00). Non dimenticare di portare con te sufficienti scorte di acqua in caso di code o file impreviste (leggi l’opuscolo Estate, viaggiare sicuri); non lasciare persone non autosufficienti, bambini e anziani, anche se per poco tempo, nella macchina parcheggiata al sole (leggi l’opuscolo “Mai lasciare i bambini soli in macchina”); assicurati che le persone malate o costrette a letto non siano troppo coperte; offri assistenza a persone a maggiore rischio (ad esempio anziani).

Leggi anche:
Corte Appello cancella assegno mensile: Veronica aveva mezzi per mantenersi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti