Mancini vede l’Europeo, arriveremo fino in fondo

Mancini vede l’Europeo, arriveremo fino in fondo
Roberto Mancini
11 ottobre 2019

Una vittoria per fare la storia e qualificarsi con tre turni d’anticipo all’Europeo del 2020. Sotto la spinta degli oltre 50 mila spettatori previsti allo stadio Olimpico, lo stesso che il 12 giugno ospitera’ la gara inaugurale che gli Azzurri possono assicurarsi gia’ domani sera. Contro una Grecia gia’ eliminata dalla corsa alla qualificazione, Roberto Mancini avverte: “Intanto ci dobbiamo qualificare e c’e’ un avversario di fronte, dobbiamo passare questo scoglio che non sara’ cosi’ semplice”. Forte di 6 vittorie in altrettante partite, l’errore sarebbe quello di pensare gia’ alla competizione continentale di giugno: “L’Europeo e’ il nostro obiettivo principale perche’ e’ la prima competizione importante che avremo – chiarisce il ct azzurro – vogliamo fare bene e andare fino in fondo perche’ la vittoria in quel torneo manca in bacheca da tempo alla Nazionale, ma prima c’e’ la Grecia”.

La Nazionale non perde in casa in una partita ufficiale da 20 anni (Italia-Danimarca 2-3 giocata il 9 settembre 1999), sogna invece lo sgambetto la nuova Grecia di Van’t Schip, gia’ tagliata fuori dalla corsa qualificazione e orfana di tanti senatori: “Non sara’ una partita semplice per questo motivo – riconosce Mancini – Hanno cambiato allenatore, probabilmente anche modulo e hanno lasciato a casa i giocatori piu’ esperti per provare i nuovi. Non sappiamo come giochera’ ma per noi non deve cambiare niente. Noi abbiamo la nostra impronta di gioco e il nostro obiettivo deve restare quello di fare il nostro gioco”. Unico dubbio in formazione, Bernardeschi o Barella, su cui il ct sorvola con ironia: “Si’, abbiamo un solo dubbio, e’ quello?”. Al centro della difesa ci sara’ capitan Leonardo Bonucci, che oggi ha ripercorso la giornata di ieri passata con i tanti bambini ricoverati all’ospedale Bambino Gesu’: “Ci hanno regalato un sorriso – spiega l’azzurro, domani alla sua 92esima presenza – chi come me ha passato momenti di difficolta’ in quei reparti sa cosa significa ma ora la mia famiglia e’ felice e auguro altrettanto alle famiglie che stanno lottando per questo. Abbiamo detto ai bambini che per noi sono un esempio e gli abbiamo promesso che domani sera l’Italia vincera’ anche per loro”.

Un successo che sarebbe “storico perche’ un obiettivo del genere con cosi’ largo anticipo non e’ mai successo”, dice con orgoglio Bonucci, secondo il quale “in questi mesi in azzurro ci siamo divertiti tanto e abbiamo riportato entusiasmo attorno alla Nazionale che si era un po’ smarrito dopo la mancata qualificazione al Mondiale”. Nel tardo pomeriggio l’allenamento di rifinitura (presente anche l’amico di lungo corso del ct, Sinisa Mihajlovic) allo Stadio Olimpico al quale si e’ aggregato al gruppo anche il centrocampista del Brescia Sandro Tonali, titolare ieri sera a Dublino con la Nazionale Under 21. Una Nazionale che giochera’ nell’inconsueta maglia verde, anche per esaltare il nuovo corso di Mancini incentrato sul lancio dei migliori giovani italiani. Una nazionale che “fa ben sperare – come sottolineato anche oggi dal ministro per lo Sport e le Politiche giovanili Vincenzo Spadafora, in visita agli Azzurri al Parco dei Principi – per il nostro calcio e per le decine di migliaia di giovani impegnati nei vivai che inseguono il sogno, un domani, di indossare la casacca dell’Italia”.

Leggi anche:
Sassuolo-Inter 3-4, riscossa nerazzurra con brivido
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti