Mani di Cosa nostra su mercato ortofrutticolo Palermo, confiscati 150 milioni

Mani di Cosa nostra su mercato ortofrutticolo Palermo, confiscati 150 milioni
14 agosto 2018

Le mani di Cosa nostra sul mercato ortofrutticolo di Palermo. Quelle dello Stato su un impero da 150 milioni di euro. La Direzione investigativa antimafia di Palermo ha eseguito la confisca di un ingente patrimonio sottratto agli imprenditori 61enni Angelo e Giuseppe Ingrassia, ritenuti contigui alla mafia. Il provvedimento e’ stato disposto dalla Sezione Misure di prevenzione del tribunale palermitano.

Le indagini hanno accertato l’infiltrazione della criminalita’ organizzata nel Mercato ortofrutticolo del capoluogo siciliano, sia direttamente sia attraverso prestanome, sotto l’influenza della potente cosca dell’Acquasanta capeggiata dai Galatolo. I due imprenditori, titolari di vari stand, avevano monopolizzato l’attivita’ del mercato attraverso i servizi forniti dalla Cooperativa Carovana Santa Rosalia, attiva nella compravendita di merce e servizi come facchinaggio, parcheggio, trasporto e vendita di cassette di legno e materiale da imballaggio. Confiscati numerosi fabbricati, appartamenti, terreni, negozi e magazzini, quote di partecipazione societaria, autocarri, auto e moto veicoli e diversi rapporti bancari e rapporti finanziari.

Leggi anche:
Uccide la moglie con una limetta, poi chiama polizia

Giuseppe Ingrassia, inoltre, e’ stato ritenuto “socialmente pericoloso” e per questo sottoposto alla sorveglianza speciale per 4 anni. Una vera e propria ‘regia occulta’ era in grado di prestabilire il prezzo dei beni in vendita, di controllare il trasporto su gomma da e per la Sicilia occidentale e i principali centri di approvvigionamento, nonche’ di gestire le ulteriori attivita’ connesse al commercio interno, garantendo all’organizzazione criminale ingenti guadagni. A rafforzare il quadro delle accuse anche alcune ordinanze emesse tempo fa dal gip di Napoli a carico di una serie di indagati, fra cui Gaetano Riina, fratello del padrino Toto’, capaci di controllare il trasporto su gomma da e per i mercati ortofrutticoli di Fondi, Aversa, Parete, Trentola Ducenta e Giugliano verso i mercati siciliani di Palermo, Catania, Vittoria, Gela e Marsala.

Leggi anche:
Affidi illeciti, bimba sgridata perché non cita abusi

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti