Manovra: ricorso Pd a Consulta, scoglio ammissibilità

Manovra: ricorso Pd a Consulta, scoglio ammissibilità
2 gennaio 2019

Il ricorso del Pd alla Consulta sull’iter di approvazione della legge di bilancio, rischia di travolgere la manovra e di farla dichiarare incostituzionale? La domanda e’ lecita, visto che le pronunce della Corte che coinvolgano procedure con cui una norma e’ stata varata, possono recidere alla radice la norma stessa e questo si e’ verificato piu’ volte. Ma in questo caso la questione e gli obiettivi sono diversi. Gli atti su cui fa perno l’azione dei Dem – le misure della manovra, appunto – non vengono impugnati direttamente. A monte c’e’ poi un altro interrogativo che i giudici devono sciogliere: se il ricorso sia ammissibile e se un gruppo parlamentare possa ricorrere alla Corte costituzionale. Il ricorso Pd – un conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato – non contiene alcuna richiesta di annullare atti.

Leggi anche:
Consiglio dei ministri in Calabria per il Sud, ma il caso Siri lo insegue

In generale, i conflitti di attribuzione non mirano a questo, ma a verificare la violazione di una funzione costituzionale; e le decisioni della Corte su questo fronte non incidono necessariamente sull’efficacia degli atti, e quindi in questo caso sull’efficacia della manovra. L’intero procedimento, tra l’altro, potrebbe arrestarsi molto prima. Il conflitto e’ stato presentato dal gruppo Pd al Senato e firmato da 37 senatori del partito, a partire dal capogruppo Andrea Marcucci: cifra non casuale, di poco superiore a un decimo dei componenti di Palazzo Madama, la quota che puo’ chiedere la mozione di sfiducia o che un provvedimento sia spostato da una commissione all’altra. Il deposito e’ avvenuto prima della pubblicazione in Gazzetta ufficiale della manovra, proprio a sottolineare che non e’ il provvedimento in se’ l’oggetto del contendere, bensi’ i tempi strettissimi di approvazione del maxiemendamento che hanno ‘tagliato’ l’esame del Parlamento.

Leggi anche:
Tangenti eolico, la Dia sentirà Miccichè e assessori Sicilia

Una violazione dell’art. 72 della Costituzione che prevede “l’esame di una Commissione e poi della Camera stessa, e l’approvazione articolo per articolo per ogni disegno di legge”, dice il Pd, che nel conflitto di oppone al Senato e al Governo. Il ricorso, infatti, chiede alla Corte di stabilire che non spettava all’assemblea del Senato, alla presidenza del Senato e al governo autorizzare l’iter di approvazione adottato. Ma il primo passo e’ un altro e si compira’ il 9 gennaio, quando i giudici si riuniranno in camera di consiglio per valutare l’ammissibilita’ del ricorso. La Consulta dovra’ decidere se chi ha proposto il conflitto si qualifichi come potere dello Stato e se si profili a suo danno la lesione di una prerogativa costituzionale: solo se ci sara’ il via libera, la Corte fissera’ una successiva udienza per esaminare nel merito la sostanza del ricorso. In questo caso i giudici dovranno innanzitutto stabilire se un gruppo parlamentare sia un potere dello Stato e possa quindi sollevare un conflitto contro un altro potere dello Stato. I precedenti non sono molti: anzi, il tema e’ pressoche’ inedito. Certo, le parole di Mattarella che nel discorso di fine anno ha chiesto di “assicurare per il futuro condizioni adeguate di esame e confronto” in Parlamento sono indirettamente un segnale.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti