Maxi-blackout, mezzo Sud America al buio. Paralizzato aeroporto di Buenos Aires, fermi treni e autobus

Maxi-blackout, mezzo Sud America al buio. Paralizzato aeroporto di Buenos Aires, fermi treni e autobus
16 giugno 2019

Un enorme guasto nel sistema di interconnessione elettrica ha lasciato al buio Argentina, Uruguay e parte di Brasile, Paraguay, Bolivia e Cile. Lo ha riferito in un tweet la societa’ di fornituraArgentina, Uruguay e parte di Brasile, Paraguay, Bolivia e Cile Edesur Argentina. L’interruzione di corrente si e’ verificata alle 7:06 (le 14:06 in Italia) e ha avuto immediate ripercussioni su circa 50 milioni di persone. E’ stata interrotta la circolazione di autobus e treni per mancanza di segnaletica elettrica.

Le cause del guasto non sono ancora note e la compagnia elettrica sta lavorando per accertarle. In Argentina la somministrazione di energia elettrica e’ ripresa in alcune regioni (Cuyo, Noa e Comahue), ma il governo ha parla di “collasso” e ha avvertito che ci vorranno diverse ore prima che la situazione torni alla normalita’. Paralizzata l’attivita’ dell’Aeroparque, il secondo aeroporto di Buenos Aires. Il blackout non ha risparmiato le province argentine di Santa Fe e San Luis, dove oggi sono in programma le elezioni amministrative. Un funzionario del ministero dell’Energia argentino ha dichiarato al New York Times che le cause e la portata del problema non sono ancora note. Il governo uruguaiano ha confermato che gran parte del Paese e’ rimasta al buio, in particolare tutto il litorale, dove si affaccia anche la capitale Montevideo, ma anche le zone interne, come il Dipartimento di Rocha.

La Edesur ha comunicato che il suo centro di controllo ha “iniziato lentamente a ripristinare il servizio, che ha raggiunto “i primi 34.000 clienti”. Primi miglioramenti anche nel sistema interconnesso della capitale e della Gran Buenos Aires”. A Buenos Aires, a meta’ mattinata di una domenica piovosa, c’e’ poco movimento nelle strade, anche se alcuni supermercati e altre attivita’ commerciali sono aperte e lavorano grazie ai generatori. Nelle strade di Montevideo funzionano solo alcuni semafori e l’illuminazione stradale e’ completamente assente. Argentina (44 milioni di abitanti) e Uruguay (3,4 milioni) condividono un sistema di interconnessione elettrica basato sulla diga di Salto Grande, situata a circa 450 chilometri a nord di Buenos Aires e a circa 500 chilometri a nord di Montevideo.

Leggi anche:
Laura Pausini testimonial delle bambole per i malati oncologici
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti