Maxi-indagine sulla Asl di Rieti, coinvolte 27 persone. Trovato “libro paga”

Maxi-indagine sulla Asl di Rieti, coinvolte 27 persone. Trovato “libro paga”
26 maggio 2017

Sono 27 le persone coinvolte nell’inchiesta, conclusa dopo quasi due anni, sull`Ufficio Tecnico patrimoniale dell`Asl di Rieti. I reati contestati sono l’associazione a delinquere, la corruzione, la turbata libertà degli incanti, la truffa alle assicurazioni e l’abuso d`ufficio. A finire nei guai, oltre all`ex direttore tecnico – spiega il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rieti – 26 persone tra dipendenti pubblici (sempre appartenenti al medesimo ufficio) e noti imprenditori reatini, umbri e romani. Le attività investigative, coordinate dalla Procura della Repubblica di Rieti ed avviate nel novembre 2015 con l`esecuzione di 26 perquisizioni tra uffici pubblici, domiciliari e sedi locali, ha permesso di “smascherare” un articolato sistema di connivenze ed amicizie tra l`ex direttore dell`Ufficio tecnico patrimoniale ed i citati imprenditori finalizzato, da un lato ad ottenere indebiti vantaggi economici e patrimoniali tipo viaggi esotici, ristrutturazioni edilizie, denaro, disponibilità di mezzi di proprietà delle società vincitrici di appalti pubblici, servizi di manutenzione e giardinaggio, sostegni elettorali e, dall`altro, a favorire imprese “amiche” nella concessione di appalti pubblici ed affidamenti diretti.

In particolare l`ex direttore dell`Ufficio Tecnico, nel corso degli anni, aveva “costruito” il suo ufficio con persone delle imprese a cui affidava gli appalti ed i lavori permettendo loro di entrare in possesso di informazioni privilegiate nella fasi di gara. Ma l`aspetto più inquietante – scrive ancora la Gdf reatina – è rappresentato da un file rinvenuto nella disponibilità di un noto imprenditore romano nel quale è riportato dettagliatamente il “libro paga” ove erano annotate tutte le dazioni di denaro o le altre regalie. Emergeva in modo inequivocabile che addirittura i tre dipendenti pubblici percepivano un vero e proprio stipendio dall`imprenditore. Al medesimo erano anche contestati diverse centinaia di migliaia di euro di incentivi non dovuti, previsti per le attività di progettazione, in parte mai eseguite, ai sensi codice degli appalti. Parallelamente, anche la vecchia dirigenza dell`ASL di Rieti aveva avviato autonome attività ispettive nei confronti dell`ex direttore dell`UTP, volte a verificare la regolarità degli affidamenti e degli appalti concessi dallo stesso nel corso del tempo, conclusasi con il licenziamento in tronco del medesimo dirigente per gravi inadempienze e irregolarità riscontrate nella sua gestione amministrativa.

Leggi anche:
Tablet e bambini? Se usato con regole può anche essere educativo
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti