“Medical Digital Assist”, cresce il progetto dell’assistente medico digitale

“Medical Digital Assist”, cresce il progetto dell’assistente medico digitale
15 giugno 2018

Google vuole creare un assistente digitale per i medici. Un’intelligenza artificiale capace di ascoltare il paziente, prendere nota e catalogare la sua storia clinica. I dottori risparmierebbero tempo nella fase di documentazione e ne avranno di piu’ per trattare i pazienti. Il progetto non e’ nuovo: si chiama ed e’ gia’ stato descritto da Google in un post dello scorso novembre, nel quale il gruppo annunciava l’avvio di una collaborazione con l’universita’ di Stanford. Adesso pero’ Big G sembra voler accelerare.

Il principale indizione arriva da quattro annunci di posizioni aperte. Mountain View sta cercando personale che contribuisca a creare “un’esperienza clinica di nuova generazione”, che utilizzi riconoscimento vocale e migliori l’accuratezza delle analisi. Il punto di partenza sarebbe la stessa tecnologia utilizzata da Google Assistant, Google Home e Google Translate. L’intelligenza artificiale ascolterebbe il dialogo tra medico e paziente, lo analizzerebbe e selezionerebbe solo le informazioni rilevanti, mettendole a disposizione dei camici bianchi.

Per i dottori il risparmio di tempo sarebbe notevole: secondo una ricerca pubblicata su Annals of family medicine, piu’ della meta’ della giornata lavorativa dei medici (circa 6 ore su 11) si concentra sulla documentazione, togliendo spazio ai trattamenti veri e propri. Ovviamente la fase della documentazione non si puo’ ignorare o comprimere, perche’ essenziale per individuare la cura migliore. Ma e’ un compito che Google spera di rendere meno gravoso per l’uomo, affidandolo a un assistente medico digitale.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti