Mondiali, la fiorettista Bebe Vio è sempre d’oro

Mondiali, la fiorettista Bebe Vio è sempre d’oro
Bebe Vio
19 settembre 2019

Bebe Vio cala il tris. La fiorettista veneta conquista la medaglia d’oro nel fioretto femminile, categoria B, ai Campionati del Mondo di scherma paralimpica in corso a Cheongju, in Corea del Sud. Si tratta del terzo titolo iridato per l’azzurra che segue quelli conquistati ad Eger, in Ungheria, nel 2015 ed a Roma nel 2017. La gioia per il successo e’ esplosa al termine della finale contro la cinese Xiao Rong, sconfitta col punteggio di 15-5. L’azzurra ha pero’ contenuto l’esultanza perche’ la stoccata decisiva e’ giunta per via di un rosso comminato all’avversaria sul punteggio di 14-5 in favore della moglianese. E’ il primo oro della spedizione azzurra in Corea che al termine della terza giornata conta un bottino di cinque medaglie: ad incrementarlo questo giovedi’ sono giunte, oltre alla medaglia d’oro di Bebe Vio, anche quelle di bronzo di William Russo e Consuelo Nora. Il palermitano chiude terzo nella gara di spada maschile categoria C, mentre la Nora, nella prova di fioretto femminile categoria C, si ferma in semifinale alla stoccata del 15-14 contro la russa Anna Gladilina.

Bebe, dal canto suo, dopo il percorso netto nella fase a gironi, aveva sconfitto agli ottavi per 15-3 l’ungherese Gyongyi Dani, proseguendo poi con il successo per 15-4, ai quarti, contro la russa Viktoria Boykova e con la vittoria, col punteggio di 15-8, in semifinale contro l’altra portacolori russa Ludmila Vasileva. “Sono contenta perche’ non e’ facile confermarsi – ha spiegato subito dopo la vittoria l’azzurra – Passano gli anni, cambiano le avversarie ed e’ sempre piu’ difficile e per questo anche piu’ divertente. Io sto lavorando per cambiare e migliorare la mia scherma ed i risultati dicono che stiamo facendo un buon lavoro. La gara di oggi non e’ stata facile, soprattutto in semifinale quando ho incontrato la russa Vasileva che mi aveva sconfitto nella tappa di Coppa del Mondo a Kyoto. Peccato per la stoccata decisiva che in realta’ e’ arrivata per via di un cartellino rosso che l’arbitro ha dato a lei: non ho esultato come avrei voluto, ma l’importante e’ il risultato”. Adesso l’attenzione si sposta sulla gara a squadre, in programma domenica: “Arriviamo da campionesse in carica e dobbiamo fare bene – aggiunge Bebe – E’ la gara a cui tengo tantissimo perche’, ce la metteremo tutta come al solito”.

Leggi anche:
Giochi Mondiali Militari, soldati da 109 Paesi in Cina
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti