Montella torna alla Fiorentina: “Sono felice”

Montella torna alla Fiorentina: “Sono felice”
L'allenatore, Vincenzo Montella
10 aprile 2019

“Se non fossi felice, non sarei qui. Comunque parleremo dopo”. Così Vincenzo Montella al suo arrivo a Firenze stamane per iniziare l’avventura alla guida della Fiorentina, la seconda della sua carriera dopo l’esperienza vissuta dal 2012 al 2015. L’ex tecnico di Milan e Siviglia è arrivato accompagnato dal fratello e dal suo procuratore Alessandro Lucci. Primo allenamento nel pomeriggio al centro tecnico “Davide Astori” dopo aver rilevato la panchina da Stefano Pioli dimessosi dalla guida tecnica per contrasti con la società. Montella ha sottoscritto un contratto fino al giugno 2021. Lo ha ufficializzato la stessa societa’ viola dopo aver definito stamani tutti i dettagli dell’accordo con il tecnico napoletano, che torna a lavorare a Firenze dopo 4 anni .

”Ringrazio la famiglia Della Valle e tutta la Fiorentina per questa opportunita’, e’ un atto di fiducia e di stima” ha detto Montella, cominciando la sua seconda avventura alla guida della Fiorentina dopo quella vissuta dal 2012 al 2015 con tre quarti posti, una finale di Coppa Italia e una semifinale di Europa League. ”Ma niente parallelismi con il passato – ha premesso subito il neo allenatore viola che ha sottoscritto un contratto fino al 2021 ad un milione e mezzo annui – Ora serve ritrovare entusiasmo, guardare avanti in modo positivo e stare tutti uniti. Con il lavoro possiamo far diventare storica questa annata complicata. Perche’ sono tornato? Mi hanno convinto la famiglia Della Valle e parlare di calcio per tre ore con Corvino. Quattro anni fa era finito un ciclo, ci siamo lasciati in modo burrascoso ma da persone corrette e leali abbiamo chiarito. Errori da non ripetere? Essere sempre chiari e d’accordo sugli obiettivi e sulle reali possibilita’ di raggiungerli. Faremo di tutto per tornare a divertirci, questa e’ una squadra giovane ma puo’ far bene, con giocatori straordinari come Chiesa. I tifosi sono delusi, normale, pero’ credo si possa aprire un nuovo ciclo”.

Leggi anche:
Milan cede Andre' Silva, parte assalto a Correa

“Ci siamo trovati in una situazione inaspettata – ha aggiunto il dg Corvino, piuttosto teso, presentando Montella insieme al club manager Antognoni – dovevamo scegliere in fretta e al meglio, abbiamo voluto un allenatore che gia’ conosce Firenze e ha fatto bene. Pioli? La societa’ con quei comunicati ha risposto ad un comportamento poco serio”. Antognoni, e’ stato l’unico dirigente a salutare e ringraziare il tecnico dimissionario: ”Pioli ha lavorato bene in questi due anni, gli auguriamo le migliori fortune – ha detto – Montella e’ un allenatore di spessore, l’auspicio e’ rivedere quanto fatto precedentemente a Firenze e iniziare un nuovo ciclo. I tifosi sono in subbuglio ma sapranno starci vicino”. Ci spera anche il neo allenatore viola che sara’ affiancato dai collaboratori storici.”Voglia di rivincita? Le esperienze con Milan e Siviglia sono state diverse e comunque ho fatto risultati pure nelle difficolta’ – le parole di Montella – Di sicuro ho tanta voglia di incidere e allenare perche’ amo questo lavoro. Ho qualche capello bianco in piu’ ma la stessa voglia di lavorare sul campo. E non e’ vero che non avevo alternative, in questi mesi ho rifiutato almeno dieci proposte, ma quando mi ha chiamato la Fiorentina non ho avuto dubbi, mi ha convinto il progetto. Se ho sentito i Della Valle? Ho parlato con Diego. Ed e’ da ieri che non sento mia moglie” ha sorriso. Prima sfida domenica al Franchi col Bologna dell’ex Mihajlovic.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti