Morbillo, 25enne non vaccinata uccisa da complicanze

Morbillo, 25enne non vaccinata uccisa da complicanze
28 marzo 2018

La giovane mamma di 25 anni, morta per morbillo all’Ospedale “Garibaldi Vecchio” di Catania, non era vaccinata e sarebbe morta per una polmonite morbillosa. Lo riferiscono fonti qualificate del nosocomio. La malattia, infatti, viene spiegato, negli adulti si manifesta in maniera piu’ forte e, rispetto alla stessa patologia presa in eta’ infantile, puo’ portare un maggior numero di complicazioni serie come l’encefalite, e, appunto, la polmonite morbillosa o altre complicanze polmonari. Maria Concetta Messina, sposata e madre di una bimba di due anni, era arrivata al pronto soccorso venerdi’, ma, dopo un periodo in astanteria e un successivo ricovero in Osservazione breve intensiva, le sue condizioni si erano aggravate velocemente.

Poi il trasferimento in Rianimazione dove e’ morta lunedi’. Sequestrate dai carabinieri le cartelle cliniche dopo l’esposto dei familiari che denunciano che la giovane e’ stata abbandonata per ore su una barella a contatto con altri malati. Le stesse fonti ospedaliere sottolineano che “di morbillo si puo’ morire e che il rischio e’ alto se non ci si vaccina. Potrebbero essere stati i bambini, dentro o fuori l’ambiente familiare, ad avere trasmesso la malattia alla donna”. Risale a gennaio di quest’anno il caso della morte di una 27enne e allo scorso settembre quello di un 42enne, sempre nel capoluogo etneo.

Leggi anche:
Fnopi, con quota 100 via in un anno oltre 90 mila infermieri

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti