E’ morta “improvvisamente” Dolores O’Riordan, cantante dei Cranberries

Loading the player...
15 gennaio 2018

E’ morta “improvvisamente” a Londra Dolores O’Riordan, cantante dei Cranberries. Lo ha riferito in una nota Lindsey Holmes, manager dell’artista, che nel 2017 aveva annullato il tour europeo. O’Riordan aveva 46 anni.  O’Riordan era stata costretta ad annullare le date dei concerti per problemi alla schiena. Dolores entra a far parte del gruppo nel 1990 in sostituzione del cantante Niall Quinn. La band pubblichera’ tre album: Everybody Else Is Doing It, So Why Can’t We? (1993), No Need to Argue (1994), l’album contenente la canzone Zombie premiata agli MTV Awards come migliore canzone del 1995, e To the Faithful Departed (1996). Il 12 settembre 1995, Dolores O’Riordan e’ sul palco a duettare con Luciano Pavarotti. Nel 1999 esce il nuovo disco, Bury the Hatchet, a cui seguira’ un tour. Dopo altre due pubblicazioni, Wake Up and Smell the Coffee e il loro Greatest hits Stars – The Best of 1992 – 2002, i componenti della band si separano, senza molto clamore e senza dichiarare ufficialmente lo scioglimento, nel 2003. Il 25 agosto 2009, la O’Riordan annuncia la riunione del gruppo. Durante il tour viene pubblicato un nuovo album. La prima uscita solista di Dolores O’ Riordan e’ del 2004, per la colonna sonora del film di Mel Gibson La passione di Cristo. Nel 2004 compare nell’album Zu & Co. di Zucchero Fornaciari, con la canzone Pure Love, eseguita anche dal vivo in duetto nello Zu & Co. Tour, e nella colonna sonora del film Evilenko. Nell’ottobre del 2007 duetta con Giuliano Sangiorgi (leader dei Negramaro) nel brano intitolato Senza fiato. La canzone fa parte della colonna sonora di Cemento armato, film che segna l’esordio da regista dello sceneggiatore Marco Martani.

Leggi anche:
Ogni anno crolla un ponte, la lunga serie "made in italy"

Il suo primo album da solista, intitolato Are You Listening?, viene pubblicato il 4 maggio 2007 dalla Sanctuary Records, poco prima della sua unione alla Universal music. L’album e’ preceduto dal singolo Ordinary Day. Il disco e’ formato da dodici tracce molto varie. Una delle prime canzoni, Black Widow, e’ stata composta nel 2003. Il secondo album solista di Dolores O’Riordan e’ No Baggage, pubblicato il 25 agosto 2009; contiene dieci brani inediti piu’ una nuova versione di Apple of My Eye, canzone contenuta nell’album precedente. A partire dal 18 ottobre 2013 la O’Riordan e’ uno dei giudici del talent show The Voice edizione Irlanda, nel quale giudica e guida i concorrenti sino alla finale. Lo stesso anno l’artista racconto’ un episodio della propria infanzia che l’avrebbe segnata: un abuso sessuale costante da parte di un uomo quando lei aveva tra gli 8 e i 12 anni di eta’. Con quest’uomo, di cui non rivelo’ l’identita’, Dolores aveva un rapporto di fiducia: “Non ne ho mai parlato finora – spiego’ al magazine Life – perche’ non ne ero capace. Ci sono voluti anni e anni di sostegno. E’ qualcosa che ho portato dentro me, e come un grande peso sulle mie spalle. Oggi devo fare pulizia, sento che potrebbe essermi di aiuto aprirmi e confidarmi con tutte quelle persone che hanno comprato i miei album e mi amano”. Non ne aveva parlato prima neanche al padre, che aveva problemi mentali da quando era caduto dalla bicicletta nel 1968. Dolores O’Riordan aveva tre figli, oggi “devastati” dalla morte della madre: “Sono stati fondamentali nella mia guarigione”, racconto ancora a Life l’artista. Un anno dopo la cantante fu arrestata per l’aggressione a una hostess avvenuta durante un volo da New York a Dublino. A bordo aveva dato in escandescenze, fratturando un piede all’assistente di bordo che le aveva ordinato di prendere posto e di allacciarsi la cintura. Poco prima del Natale scorso aveva scritto sul proprio profilo Facebook di essere in buona salute e di star provando delle canzoni. Nel 2004 era stata protagonista con Don Burton, il marito e tour manager dei Duran Duran, di una lite con la ex baby-sitter dei figli, che aveva trascinato i coniugi in tribunale accusandoli di averle sequestrato il passaporto.

Leggi anche:
Ponte Genova, prime telefonate a polizia: è caduto veramente?

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti