Nadal contro Wimbledon,perche’ Federer numero due?

Nadal contro Wimbledon,perche’ Federer numero due?
Rafael Nadal
25 giugno 2019

Vigilia con polemica per il Torneo di Wimbledon. Ad aumentare la temperatura, gia’ piu’ alta di questi tempi, in vista dell’evento tennistico in terra britannica e’ Rafael Nadal che a pochi giorni dal via sull’erba piu’ famosa del mondo (da lunedi’ 1 a domenica 14 luglio) se la prende con gli organizzatori inglesi per averlo retrocesso nel tabellone principale dalla seconda alla terza posizione per far posto al rivale di sempre Roger Federer. Il tutto senza tenere conto dell’effettiva graduatoria stilata dalla Atp che vede invece il campione spagnolo dietro solo a Novak Djokovic con lo svizzero solo terzo. Un vezzo, quello di Wimbledon, di stilare un tabellone ad hoc senza tenere conto fedelmente dei punti assegnati dall’Atp non e’ andato proprio giu’ a Nadal: “Non rispettano lo status della classifica. L’unica cosa in questa storia che non mi sembra buona e’ che c’e’ solo Wimbledon che lo fa”, ha attaccato il maiorchino parlando con i media del suo paese.

“Non e’ solo il mio caso particolare, e’ successo molte volte che alcuni giocatori, per i loro meriti, perche’ hanno giocato bene tutto l’anno su tutte le superfici, hanno ottenuto una certa classifica. A Wimbledon non rispettiamo lo status ottenuto e ci obbligano a cammini piu’ complicati”. Come da tradizione del torneo piu’ prestigioso sull’erba le teste di serie vengono definite attraverso classifica e risultati sulla superficie, e non esclusivamente seguendo il ranking Atp. Per lo spagnolo questo potrebbe significare un sorteggio meno favorevole: “Ma comunque, che io sia 2 o 3, dovro’ giocare al mio meglio per aspirare a cio’ a cui aspiro”, ha concluso Nadal, che insegue il terzo titolo a Wimbledon dopo quelli conquistati nel 2008 e 2010. A gioire e ringraziare Federer e’ invece Matteo Berrettini: la “decima” di King Roger ad Halle fa esultare anche l’azzurro, oltre agli innumerevoli fan del campione svizzero. Il 23enne romano, che nel 2019 vanta due titoli Atp (Budapest sulla terra rossa e Stoccarda sull’erba), infatti da oggi e’ per la prima volta numero 20 del ranking mondiale (era 22 nell’ultima classifica prima della semifinale ad Halle sempre sui prati). Il successo di Federer sul belga David Goffin nella finale in Germania ha garantito al giovane azzurro l’ingresso tra i top 20.

Leggi anche:
Roma stoppa Zaniolo, Inter anche su Sturridge
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti