Nasce asse Casaleggio-Di Battista. Gelo con Di Maio

Nasce asse Casaleggio-Di Battista. Gelo con Di Maio
Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista
22 giugno 2019

Tempi duri per Luigi Di Maio. All’orizzonte si profila un asse Davide Casaleggio e Alessandro Di Battista. L’uomo della piattaforma Rousseau e il frontman delle piazze, oggi insieme, sul palco a Catania. Il fondatore di Rousseau, nel corso della manifestazione Rousseau City Lab, aprendo alla proposta del Dibba sulla deroga al doppio mandato in caso di crisi di governo: “Ne stiamo parlando, noi continuiamo a verificare se le nostre regole sono attuali”.

All’evento Rousseau Lab sono presenti tutti i pentastellati siciliani, inclusi il ministro Giulia Grillo che, assieme a Danilo Toninelli, e’ attivissimo in queste ore con l’obiettivo non dichiarato di evitare di esser vittima del rimpasto. Nel frattempo, il gruppo parlamentare ribolle non risparmiando critiche ne’ a Di Maio e neppure a Di Battista: “ma perche’ e’ venuto a sporcarsi le mani?”, e’ il concetto ribadito da piu’ di un deputato in questi giorni. Mentre secondo l’inner circle dimaiano le critiche al capo dipendono soprattutto da un fattore: l’annunciato rimpasto dei sottosegretari. Ma quel rimpasto, assicurano, nel medio periodo ci sara’.

“Le persone che nel M5s hanno partecipato attivamente alla politica – sottolinea Casaleggio – e si sono prestati come cittadini alla politica hanno lavorato molto in questi mesi. Non a caso nove delle undici riforme che sono state fatte nel giro di un anno sono targate M5s. Bisogna ribadirlo tutte le volte che si parla delle attività fatte dalle istituzioni perché sono fatti e riforme importanti: dal decreto dignità, allo spazza-corrotti a cose che non erano mai state fatte prima in Italia e sono state fatte”. La Rousseau City Lab è il tour promosso dall’associazione Rousseau per portare la democrazia diretta e la cittadinanza digitale nelle piazze delle principali città italiane.

Leggi anche:
E' battaglia politica sull'Anfiteatro di Volterra

Intanto, Di Maio se la prende proprio con Alessandro Di Battista: “Io mi sono incazzato in questi giorni quando ho sentito questa frase ‘burocrati chiusi nei ministeri'”. Lo sfogo del capo politico 5stelle si registra durante il suo intervento alla riunione del Movimento 5 Stelle che si è svolta a Terni. La frase a cui si riferisce il vicepremier, (‘burocrati chiusi nei ministeri’) è presente nell’ultimo libro dell’ex deputato 5S Di Battista. ” In campagna elettorale ho fatto 10mila chilometri in un mese – ha  chiosato davanti all’assemblea di attivisti Di Maio -. Alle politiche abbiamo fatto 10mila chilometri in 3 mesi, questa volta li ho fatti in un mese perché fino al mese prima abbiamo lavorato a Roma nei ministeri a tamburo battente”. E con i venti di crisi che spirano sul governo, il duello appare solo all’inizio.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti