La nave Diciotti è attraccata al porto di Trapani. Salvini: “Nessuna autorizzazione”

Loading the player...
12 luglio 2018

[16.58] Ha attraccato poco dopo le 15 al molo Ronciglio di Trapani la nave Diciotti della Guardia costiera con a bordo 67 migranti salvati nei giorni scorsi nel canale di Sicilia. Sul molo c’erano polizia, carabinieri, guardia di Finanza, capitaneria di porto e Croce Rossa.

L’ingresso in porto è stato salutato da alcune decine di attivisti della rete #RestiamoUmani in maglietta rossa che hanno applaudito l’arrivo della nave. La nave stava per entrare nel porto verso le 12, salvo poi fare rotta verso il largo in attesa di ulteriori accertamenti per far luce sul presunto dirottamento avvenuto quattro giorni fa a bordo della rimorchiatore Vos Thalassa. Due migranti sono stati denunciati. Devono rispondere di violenza, minacce e dirottamento. A decidere saranno i magistrati della Procura di Trapani, dopo aver valutato le accuse. Intanto, sono seduti sul ponte della nave Diciotti della Guardia costiera, attraccata al molo di Trapani, i 67 migranti salvati nei giorni scorsi nel canale di Sicilia. Le consuete procedure messe in atto durante gli sbarchi di migranti infatti sono ferme, nell’attesa di capire quali indicazioni arriveranno dal ministero dell’Interno.

Su quanto accaduto sulla Diciotti “in Procura c’è un dibattito, io non ho fretta di farli sbarcare” ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini. In merito a quanto la nave della Guardia Costiera resterà attraccata a Trapani ma senza poter sbarcare, Salvini ha affermato: “Tutto il tempo necessario. Chi deve decidere ha tutti gli elementi necessari per decidere. Io non faccio il giudice, non faccio l’avvocato, non faccio il poliziotto, non ho interrogato nessuno. Faccio il ministro e devo far rispettare l’ordine pubblico: se ci sono dei violenti, vanno in galera e non in albergo; se non ci sono dei violenti perché qualcuno ha smentito questo, qualcuno ne pagherà le conseguenze. In Procura stanno lavorando, aspettiamo l’esito del loro lavoro, senza voler influenzare nessuno”. Sulla nave, così come sul molo della città siciliana, il sole batte forte e il caldo sfiora i 30 gradi. E pochi minuti dopo l’attracco, avvenuto alle 15, sono arrivate due autobotti d’acqua. Tra i 67 migranti ci sono i due indagati per il presunto tentato dirottamento del rimorchiatore Vos Thalassa.

Leggi anche:
Spettacolare sfilata Pierre Cardin sulla Grande Muraglia cinese

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti