Nuoto. Settecolli, Gemo bis da record

Nuoto. Settecolli, Gemo bis da record
14 giugno 2015

Elena GemoAl Settecolli di nuoto strepitosa prestazione di Elena Gemo che stabilisce il record italiano dei 100 dorso in 1’00″22 (frazioni da 29″54 e 30″68), tre centesimi in meno del precedente detenuto da Arianna Barbieri in occasione delle Olimpiadi di Londra il 29 luglio 2012. Per la 28enne padovana, ma romana d’adozione – tesserata per Forestale e CC Aniene ed allenata da Mirko Nozzolillo – si tratta del secondo record assoluto in 24 ore dopo il 28″07 nei 50 dorso. Con questo tempo Gemo compie un bel balzo in avanti verso i campionati mondiali di Kazan in previsione della gara individuale e della staffetta mista e soprattutto in chiave olimpica. Il suo precedente era l’ 1’00″75 nuotato il 15 giugno 2012. Un miglioramento che esprime maturità, determinazione e consapevolezza. Velocissimi i 100 stile libero con Sarah Sjoestrom – già protagonista venerdì col record europeo nei 100 farfalla in 56″04 – che s’impone in 53 secondi netti col primato dei campionati; il tempo della svedese è il secondo tempo mondiale stagionale alle spalle del 52″69 dell’australianaCate Cambell e dell’olandese Femke Heemskerk.

Il precedente record della manifestazione era il 53″09 nuotato nell’edizione del 2012 dall’olimpionica olandese Ranomi Kromowidjojo, seconda in 53″65. Seguono il 54″31 di Erika Ferraioli – a un centesimo dal personale nonché migliore prestazione italiana in tessuto – e il 54″42 di Federica Pellegrini, a due centesimi dal record italiano che stabilì il 10 marzo 2004 ai campionati assoluti di Livorno rivelandosi al mondo. Nei 400 misti s’impongono Stefania Pirozzi in 4’40 netto e Federico Turrini in 4’19″07. Dopo oltre sei anni cade anche il record italiano dei 50 rana. Un primato imprevisto, che firma Martina Carraro piazzandosi al quarto posto della finale A in 31 secondi netti, otto centesimi in meno di quanto RobertaPanara nuotò il 5 marzo 2009 ai campionati assoluti di Riccione, peraltro col costume gommato. La ventunenne genovese, che ha seguito Luca Leonardi all’Azzurra 91 del tecnico federale Fabrizio Bastelli, ha dimostrato di essere in piena crescita dopo il 31″18 dei campionati assoluti di aprile e di puntare ad essere protagonista con vista sulle Olimpiadi di Rio de Janeiro. Sul gradino più alto del podio la primatista mondiale, la lituana Ruta Meilutyte in 30″07, a 17 centesimi dal primato dei campionati che ha stabilito lo scorso giugno e a 19 centesimi dal suo miglior tempo mondiale stagionale.

Leggi anche:
Lazio e Atalanta partenza sprint, è il giorno di Sinisa
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti