Olimpiadi, primo caso di doping: positivo pattinatore giapponese

Loading the player...
13 febbraio 2018

Primo caso di doping alle Olimpiadi di PyeongChang: il 21enne giapponese Kei Saito, atleta dello short track, non ha superato un test precedente i Giochi, nel quale, secondo quanto ha comunicato il Tribunale Arbitrale dello Sport (Tas), è risultato positivo all’acetalozamide, un diuretico proibito, spesso usato come copertura per altre sostanze dopanti. “L’atleta non si ricorda di aver preso sostanze proibite – ha detto Yasuo Sato, a capo della delegazione giapponese in Corea del Sud in conferenza stampa – non ha idea di come possa essere risultato positivo ai test. Lui stesso è sorpreso e sotto shock”. Saito ha lasciato volontariamente il Villaggio Olimpico ed è stato precauzionalmente sospeso dalle competizioni in attesa di ulteriori verifiche.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Pastore: "Non dimenticherò mai Parigi, grazie mille"


Commenti