Omicidio Loris, Veronica Panarello continua a dirsi innocente

Omicidio Loris, Veronica Panarello continua a dirsi innocente
12 dicembre 2014

Continua a ribadire la sua innocenza Veronica Panarello, la mamma del piccolo Loris Stival ucciso il 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina, nel Ragusano. Quarantotto ore dopo il suo ingresso in cella d’isolamento nel carcere di Catania, la donna ha ripetuto tra le lacrime la sua versione dei fatti al gip di Ragusa, Claudio Maggioni, durante l’interrogatorio di garanzia, durato oltre 3 ore, alla presenza del pm, Marco Rota e del legale dell’indagata, Francesco Villardita. “Ha risposto a tutte le domande – ha spiegato l’avvocato – senza nessun tipo di cedimento, riconfermando integralmente la stessa versione dei fatti che è stata data in questi giorni agli inquirenti”. Durante l’interrogatorio, alla 26enne sono stati mostrati solo alcuni fotogrammi stampati e non l’intero filmato che ricostruisce il suo tragitto a bordo della sua Polo nera nel giorno dell’omicidio, con tempi e percorsi che la inchioderebbero alle sue responsabilità. Compreso il parcheggio in garage, insolito secondo il marito, Davide Stival. Negata dall’indagata anche l’ipotesi dell’esistenza di un secondo cellulare – oltre a quello già nelle mani dell’autorità giudiziaria – che sarebbe stato nascosto nei giorni successivi all’omicidio.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
In Libano proteste davanti alla Banca centrale a Beirut


Commenti