Ong Open Arms, Pm Catania chiede archiviazione

Ong Open Arms, Pm Catania chiede archiviazione
15 maggio 2019

La Procura di Catania ha chiesto l’archiviazione per il comandante Marc Reig Creus e del capo missione Ana Isabel Montes Mier della nave dell’Ong spagnola ProActiva Open Arms. Erano indagati per associazione per delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina per lo sbarco a Pozzallo (Ragusa), il 17 marzo 2018, di 218 migranti soccorsi al largo della Libia. Resta pendente il fascicolo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e violenza privata aperto dalla Procura di Ragusa.

La notizia e’ stata resa nota dai legali della Ong, gli avvocati Alessandro Gamberini e Rosa Emanuela Lo Faro, che hanno avuto risposta dalla Procura distrettuale di Catania alla loro richiesta di conoscere lo “stato del procedimento”. L’inchiesta e’ coordinata dal procuratore distrettuale Carmelo Zuccaro e dai sostituti Fabio Regolo e Andrea Bonomo che dispose il sequestro della nave perche’, sosteneva l’accusa, “l’obiettivo primario e’ salvare migranti e portarli in Italia, senza rispettare le norme, anzi violandole scientemente”. Veniva contestato a Open Arms il “rifiuto di consegnare i profughi salvati a una motovedetta libica” e che, “nonostante la vicinanza con l’isola di Malta, la nave prosegui’ la navigazione verso le coste italiane, come era sua prima intenzione”.

L’Ong si e’ sempre difesa sostenendo di avere agito “in stato di necessita’ per salvare vite umane”. Il sequestro della nave fu convalidato dal Gip di Catania, ma soltanto per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Il fascicolo, per competenza, fu trasferito alla Procura di Ragusa che reitero’ la richiesta di sequestro della Open Arms, rigettata il 16 aprile scorso dal Gip Giovanni Giampiccolo. La stessa Procura di Ragusa nello scorso dicembre ha notificato ai due indagati un avviso di conclusione indagine individuando come parte lesa il ministero dell’Interno.

Leggi anche:
Blitz della Gdf, sequestrato Castello Aragonese ad Ischia
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti