Orrore vicino a Tokyo, attaccate bambine che andavano a scuola. Almeno due morti

Loading the player...
28 maggio 2019

Era l’8 giugno 2001, quando nella scuola elementare Ikeda di Osaka un 37enne con coltello alla mano cominciò a massacrare i bambini, uccidendone 8 e ferendone 15. Una scena simile si è ripetuta oggi a Kawasaki, vicino a Tokyo, quando un uomo attorno ai 50 anni ha aggredito un gruppo di scolari che attendevano il bus, uccidendo una bambina e un uomo di 39 anni e ferendo altre 17 persone, tra le quali 15 studentesse delle elementari.

Dopo l’aggressione, l’uomo si è allontanato e si è accoltellato lui stesso al collo, morendo in seguito mentre ormai era in custodia della polizia. La polizia – secondo quanto riferiscono i media nipponici – ha identificato le vittime come Hanako Kuribayashi, una bambina di 11 anni del sesto anno, e Satoshi Oyama, un funzionario del ministero degli Esteri. La gran parte delle vittime sono scolari della scuola elementare Caritas, una scuola cattolica che si trova a Tama.

La dinamica è stata abbastanza semplice. L’aggressore – che indossava occhiali, camicia e pantaloni neri – si è avvicinato alle bambine e le ha attaccate con due coltelli che aveva in entrambe le mani. Nello zaino il sospettato aveva altri due coltelli. La polizia l’ha identificato come Ryuichi Iwasaki, un residente locale. Secondo quanto ha riferito la televisione pubblica NHK, ex compagni di scuola dell’aggressore lo ricordano come un ragazzo iracondo, che aveva avuto anche qualche atteggiamento violento e che, ai tempi della scuola, veniva preso in giro dai compagni. “Non mi sono particolarmente stupito che sia protagonista di un fatto del genere”, ha dichiarato uno di questi ex compagni.

Leggi anche:
Papa va in Giappone: distruzione nucleare non si scateni di nuovo

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha detto ai giornalisti che “la sicurezza dei bambini deve essere garantita in ogni posto” e ha dato indicazioni al ministro dell’Istruzione Masahiko Shibayama affinché vengano presi provvedimenti per rendere più sicuri i percorsi che i bambini fanno per andare a scuola. Il presidente degli Stati uniti Donald Trump, che oggi ha concluso la sua visita in Giappone, ha espresso la solidarietà al Giappone. askanews

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti