Il Pd sottoscrive manifesto Calenda. L’ex ministro: “Una gran bella notizia”

Il Pd sottoscrive manifesto Calenda. L’ex ministro: “Una gran bella notizia”
Carlo Calenda
12 febbraio 2019

Oggi sottoscriverà “a nome del Pd il manifesto ‘Siamo europei’ promosso da Carlo Calenda. Ho condiviso questa scelta con Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giachetti: il Pd dunque ne assume i contenuti”. Lo annuncia su Twitter Matteo Orfini. “Iniziamo da qui – aggiunge – per lanciare la sfida ai populisti. Nei prossimi giorni incontrerò i segretari regionali per avviare il percorso e convocherò un tavolo con i nostri parlamentari europei e italiani per elaborare il contributo programmatico con il quale il Pd affronterà la sfida”.

L’esponente del Partito democratico, Carlo Calenda, saluta su Twitter come “una gran bella notizia” per il suo manifesto “Siamo Europei” e per “il Partito democratico” l’annuncio fatto dal presidente del Pd, Matteo Orfini, di sottoscrizione “a nome del Pd” del manifesto dell’ex ministro dello Sviluppo economico. “A nome dei firmatari – conclude Calenda – ringrazio Matteo Orfini, Maurizio Martina, Nicola Zingaretti e Roberto Giachetti”. Il centrosinistra, dunque, riparte dalla sconfitta in Abruzzo all’insegna dell’unità e della condivisione. “Ha vinto la destra, ma si riapre la speranza” ha detto l’ex presidente della provincia dell’Aquila, Stefania Pezzopane, sintetizzando il pensiero di molti Dem. Tutti hanno promosso la formula voluta da Legnini, quella di una coalizione costituita da liste civiche, centriste e di sinistra a far da corona al Pd, che certamente ha ceduto a tali liste parte del consenso: solo l’11,14% ha infatti barrato il simbolo Dem.

Leggi anche:
G7, coro di no all'idea di Trump sul ritorno Russia. Ue: "Sarebbe un segnale di debolezza"

Il 31% complessivo garantisce però una prospettiva, quella di una coalizione ampia che spinge Carlo Calenda a sollecitare il Pd a muoversi con decisione verso una lista unica progressista ed europeista alle europee di maggio, guidata da Paolo Gentiloni. Una proposta che incontra il sostegno esplicito di Martina, ma che per concretizzarsi dovrà attendere il nuovo segretario Dem, e anche che gli altri partner, come +Europa, Italia Comune e i Verdi, sciolgano le riserve e siano disposti a dare spazio magari a qualche lista civica. La sfida al populismo di cui parla Orfini, è quindi pronta a partire. “Nei prossimi giorni incontrerò i segretari regionali per avviare il percorso – ha spiegato l’attuale reggente del partito – e convocherò un tavolo con i parlamentari europei e italiani per elaborare il contributo programmatico con il quale il Pd affronterà la sfida”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti