“Peterloo”, Mike Leigh: un film perché preoccupato per democrazia

Loading the player...
19 marzo 2019

Ha raccontato in maniera epica ma anche molto articolata un importante passaggio della storia britannica Mike Leigh nel suo nuovo film, “Peterloo”, nei cinema dal 21 marzo. Siamo nel 1819 e dopo che l’esercito britannico ha sconfitto Napoleone nella celebre battaglia di Waterloo, nel Nord dell’Inghilterra si diffonde il malcontento tra la popolazione che soffre per disoccupazione, restrizione sull’importazione dei cereali, cattivi raccolti.

Mentre a Londra la monarchia e il governo difendono i propri privilegi, a Manchester le voci democratiche iniziano a farsi sentire, si parla di suffraggio universale e della necessità di una vera rappresentanza in Parlamento. Il 16 agosto 1819 a St. Peter’s Field viene organizzato un grande comizio a cui accorrono migliaia di persone, pacifiamente, ma l’intervento della cavalleria e dell’esercito lo trasforma in un massacro. Quell’evento, però, diede il via ad altre proteste e fu uno snodo fondamentale per la democrazia britannica.

Leggi anche:
Pioggia su Parigi: messe in sicurezza alcune statue di Notre Dame

Il regista britannico ha affermato: “Mi auguro che questo film stimoli negli spettatori delle preoccupazioni per la democrazia, perché non vengano mai messi in discussione i capisaldi dei sistemi democratici. Abbiamo inziato a lavorare a Peterloo nel 2014 e man mano succedevano cose nel mondo che rendevano questo film sempre più attuale. Le elezioni in Usa, la Brexit, quello che sta succedendo in Italia, ci spingono a riflettere su cosa potrebbe accadere se le procedure democratiche prendessero un’altra piega”.

Il regista de “Il segreto di Vera Drake” e “Turner”, con la solita accuratezza storica, la potenza visiva e la grande capacità di dirigere gli attori, porta lo spettatore dentro questa vicenda epica, senza mai cadere nella retorica. “Io faccio film dove porto lo spettatore fino a una certo punto, non dò messaggi. Gli affido il compito di fare riflessioni personali partendo dall’impatto emotivo che ha avuto su di lui il film. Dalla costernazione, la rabbia, possono partire riflessioni ed eventuali soluzioni. “Peterloo” è un invito alla riflessione su quello che comporta la democrazia, cosa è e cosa ognuno di noi può fare per preservarla”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti