Piazza Tienanmen, 28 anni dopo Hong Kong ricorda le vittime

4 giugno 2017

Migliaia di persone per la democrazia a Hong Kong per ricordare la strage di Piazza Tiananmen. Nella notte tra il 3 e il 4 giugno 1989 una violenta repressione spegne nel sangue le proteste di studenti e lavoratori cinesi in piazza a Pechino. Ventotto anni dopo quella notte, che ha segnato la storia, in cui l’Esercito di Liberazione Popolare uccise centinaia di persone scese in piazza per chiedere più libertà e più democrazia, la protesta è ancora viva nell’isola. Come ogni anno, il parco Victoria si è trasformato in un tappeto di candele ma per la Cina, che vieta ogni commemorazione, questo è un giorno qualunque.

LA STORIA Nella notte tra il 3 il 4 giugno del 1989, la guida de facto della Cina Deng Xiaoping e il primo ministro Li Peng ordinarono ai soldati di far rispettare la legge marziale e di reprimere con la forza la protesta di circa 300 mila studenti – 1600 gli arrestati – che da due mesi chiedevano più libertà. Pechino non ha mai diffuso il numero delle vittime e ha classificato il tutto come un “incidente”, descrivendo il movimento degli studenti come “sommossa anti-rivoluzionaria”. In Cina è vietato persino parlare del “6-4″ (così i cinesi si riferiscono ai fatti di piazza Tienanmen, citando solo il mese e il giorno), cercare informazioni su internet è impossibile e nel periodo precedente alla data, attivisti ed avvocati per i diritti umani vengono arrestati e perseguitati dalla polizia. Yang Tongyan (54 anni), scrittore e storico, è stato in carcere dal 1990 al 2000 per “azioni controrivoluzionarie”, cioè essersi opposto ai carri armati. Diventato attivista per i diritti umani, è stato incarcerato di nuovo nel 2006: dovrebbe uscire nel 2018. Xie Changfa (64 anni) ha passato due anni in campi di rieducazione attraverso il lavoro per aver parlato in diversi licei dell’Hunan a favore degli studenti nel 1989. Uscito, si è dedicato a promuovere la democrazia in Cina. Nel 2008 è stato arrestato di nuovo nell’ambito dell’operazione “Sicurezza Olimpiadi” e condannato per aver cercato di “sovvertire il potere dello Stato”: dovrebbe essere liberato nel 2022. Liu Xiaobo (60 anni), vincitore del premio Nobel per la pace nel 2010, ha passato 18 mesi in carcere per il ruolo giocato nel movimento studentesco. Fondatore del movimento pro democrazia “Charta ’08”, è stato condannato il 25 dicembre 2009 per aver “incitato a sovvertire il potere dello Stato”: dovrebbe uscire nel dicembre del 2020. Liu Xianbin ha passato 30 mesi in carcere per aver partecipato alla protesta di piazza Tienanmen. Uscito di prigione, si è dedicato a promuovere i diritti umani. Per questo è stato di nuovo imprigionato dal 1999 al 2009 e condannato nuovamente nel 2011 per “aver incitato alla sovversione del potere dello Stato”: dovrebbe tornare libero nel 2021.

Leggi anche:
Traffico di droga pilotato dai clan a Catania, 40 arresti

UNA LUNGA LISTA Chen Wei (arrestato nel 1989 e liberato nel 1991) è stato condannato di nuovo nel 2011 a 9 anni di carcere per aver pubblicato quattro articoli online sui diritti umani; Chen Xi, dopo i tre anni di carcere per essere sceso in piazza con gli studenti, è stato di nuovo arrestato e condannato nel 2011 ad altri 10 anni di carcere; Zhu Yufu, arrestato perché si era espresso a favore degli studenti nella città di Hangzhou nel 1989, è stato condannato nel 2012 a sette anni di prigione per essersi speso per la democrazia; Li Bifeng, dopo cinque anni di carcere per “propaganda controrivoluzionaria”, è stato condannato di nuovo a 10 anni nel 2012. Per aver difeso i diritti umani, Zhang Lin è stato condannato nel 2014 a 42 mesi di carcere, Zhao Changqing a 30 mesi. La lista sarebbe ancora molto lunga, ma vale la pena ricordare solo gli attivisti che si trovano attualmente sotto processo per aver commemorato l’anno scorso in Cina il 25esimo anniversario di piazza Tienanmen: Gao Yu, Sheng Guan, Huang Fangmei, Jia Lingmin, Liu Diwei, Yu Shiwen, Pu Zhiqiang, Tang Jingling, Wang Qingying, Yuan Xinting, Jiang Lijun e Zhang Kun.

L’ULTIMO STUDENTE Delle oltre 1.600 persone arrestate nel 1989 per «crimini controrivoluzionari» (qui l’intervista di tempi.it a uno di loro), solo una è ritenuta essere ancora in carcere: Miao Deshun. Operaio di Pechino, è stato denunciato per aver lanciato un cestino contro un carro armato in fiamme. Condannato a morte, la pena è stata sospesa e commutata in ergastolo. Grazie a un successivo sconto, dovrebbe uscire il 15 settembre 2018, dopo 29 anni di prigione. Nessuno sa se sia ancora vivo. L’ultima persona che ha avuto sue notizie, un suo ex compagno di cella, ha dichiarato che dovrebbe essere stato trasferito nel reparto psichiatrico della prigione di Yanqing, costretto ad assumere psicofarmaci. “Non ha mai voluto ammettere di aver sbagliato, non pensava di dover essere rieducato. Le autorità lo trattavano come se fosse pazzo”.

Leggi anche:
Il progetto pilota per pulire i fiumi parte da Torino

 

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti