Ponte Genova, iniziato smantellamento moncone Ovest. Conte: “Inizia il riscatto”

Loading the player...
8 febbraio 2019

E’ cominciato lo smantellamento del moncone Ovest di Ponte Morandi. I tecnici hanno agganciato agli strand jack l’impalcato pesante 800 tonnellate e lungo 36 metri, ed hanno cominciato a farlo scendere a terra. Alle complesse operazioni assistono, oltre al commissario per la ricostruzione e sindaco Marco Bucci e al governatore Giovanni Toti, il premier Giuseppe Conte, il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli, il viceministro Edoardo Rixi.

“È una giornata importantissima, simbolica, oggi inizia il riscatto con la demolizione del ponte, il riscatto di Genova, della Liguria e dell’Italia”. Quando i giornalisti gli hanno chiesto un commento sulle tensioni nei rapporti con la Francia, Conte ha glissato: “Oggi si parla di ponte”. Poi, dopo l’inizio delle operazioni di demolizione, il presidente del Consiglio ha parlato dei tempi previsti per la ricostruzione. “Scandiamo un primo passaggio di un percorso che sarà, speriamo, il più breve possibile. Ci eravamo impegnati perché la ricostruzione avvenisse entro fine 2019, confidiamo che sarà in piedi entro fine anno, per l’inaugurazione dovremo attendere qualche mese del 2020, ma è importante si proceda in modo spedito e che anche la nostra forza come sistema Italia venga fuori. Siamo tutti determinati a raggiungere questo obiettivo, questo significa fare sistema”.

Per il sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione di Ponte Morandi, Marco Bucci, “oggi è una giornata simbolica senza mai dimenticare le 43 vittime del crollo ma anche senza dimenticare che stiamo lavorando dal 15 dicembre e tutto sta procedendo secondo i piani”. “Sono molto contento – sottolinea Bucci- della vicinanza del governo, in questo modo continuiamo a collaborare e diamo un segnale che in Italia le cose si possono fare bene e nei tempi giusti. Sono soddisfatto -ha concluso il sindaco- anche dello stanziamento delle prime tranche di soldi per la ricostruzione dal Mef”.

Leggi anche:
Briatore (con la ex Gregoraci) scatenato a Capri canta l'Inno

E il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli ha aggiunto: “Ho parlato stamattina con l’ad di Ansaldo mi ha prospettato alcune problematiche, gli ho detto di venire a Roma e le affronteremo con me e il commissario Bucci, questo ponte, comunque non verrà ricostruito con i soldi degli italiani, perché sarebbe una beffa, ma con quelli di chi lo ha fatto crollare, è una piccola goccia di soldi che dovrà ridare per i danni che ha causato all’Italia”.

C’è anche, come detto, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti:”E’ una giornata dal valore simbolico perché per la prima volta vediamo un pezzettino di ponte muoversi davvero e questo cambia lo skyline drammatico che ci accompagna dal 14 agosto, ma il lavoro sarà complesso, ci saranno giornate meno spettacolari di oggi ma altrettanto importanti”. Per il governatore della Liguria, “l’importante è che si vada avanti e si rispettino i tempi ma le imprese che lavorano sono imprese serie quindi ci sono tutte le condizioni per essere ottimisti”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti