Qualità e made in Italy al salone Haut-à-porter

Loading the player...
23 settembre 2018

140 collezioni, 95 italiane e 45 straniere provenienti da 12 Paesi, per presentare le nuove tendenze dell’Haut-à-porter: si svolge dal 21 al 24 settembre, durante la settimana della moda, la quarta edizione di TheOneMilano. Nei 2mila metri quadri di esposizione si trova il guardaroba completo: dai capi spalla al beachwear, dagli abiti più sofisticati ai “basic” in tessuto, pelle, pelliccia e maglia, più gli accessori, dalle borse ai gioielli. Elena Salvaneschi, segretario generale TheOneMilano.

Leggi anche:
Salvini a Mosca per l'assemblea generale Confindustria Russia

“È un progetto completamente nuovo che vuole tornare alle radici del vero pret a porter, a quel prodotto moda creativo ma anche con una manifattura e qualità delle materie prime molto decisa e sottolineata. In questa edizione di TheOneMilano viene lanciato “Always On”, piattaforma dove gli espositori possono esporre i loro pezzi, in modo da favorire il contatto tra aziende e buyers. “Il made in Italy conta moltissimo anche se il brand è internazionale perchè noi in Italia abbiamo la filiera completa di produzione e tantissimi vengono a produrre qui”. Laura Strambi è un marchio di moda eco-sostenibile che punta sulla ricerca e sfrutta tessuti naturali, a partire dal cotone, tutti lavorati in Italia. “È una collezione che esprime freschezza e allegria, per ogni stagione ci piace dare un nome e quest’anno per la primavera-estate è flower land, ci piacciono i fiori, tutte le stampe sono realizzate da noi e trasferite su tessuto”.

Leggi anche:
Il vino blu? L'idea innovativa di una startup spagnola

La collezione del marchio Yoj, che ha lo stesso direttore creativo, sfrutta l’econyl, un filato ricavato dalle reti da pesca per creare una collezione casual e streetwear per un target più giovane, sportiva ma con un tocco fashion perchè si trovano anche capi laminati e con pelliccia naturale. Carole Dana, alla prima uscita in fiera, punta sul colore. “Noi amiamo dire che non facciamo moda ma creiamo cromatismi da indossare, e dove andare a trovare i colori se non in India e Africa: siamo partiti da due temi e filoni principali, le coperte che i Masai che indossano per proteggersi dal freddo della savana, e i cotoni indiani con le loro stampa coloratissime. La nostra collezione si ispira a materiali esotici ma tutto tagliato, disegnato e con fashionisti italiani”. Dalla coperta Masai nasce un piumino con all’interno dei modal a fiori, di cotone indiano sono le camicie, tutte con il polso a contrasto come un bracciale, e gli abiti lunghi con pantalone in doppia fantasia. Infine ci sono i bracciali di perline, ancora ispirati ai tessuti africani. Per una donna dalla forte personalità che non ha paura di osare.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti