La rabbia sui social per parole di Trump: “Africa NON è di merda”

Loading the player...
12 gennaio 2018

Gli africani hanno risposto con rabbia e ironia sui social media alle parole di Donald Trump che secondo indiscrezioni dal suo entourage ha definito “di merda” i loro Paesi. Molti utenti hanno accusato il presidente americano di razzismo e ignoranza, ricordando che lo scorso anno aveva parlato della Namibia ribattezzandola “Nambia”. In tanti hanno fatto ricorso all’ironia, postando immagini dei moderni skyline e delle bellezza naturali dei loro Paesi sotto l’hashtag “di merda”. “Sono un figlio orgoglioso di un brillante continente chiamato Africa – ha scritto il mezzofondista keniota Bernard Lagat, diventato cittadino Usa nel 2004 – il mio patrimonio culturale è profondamente radicato nelle radici keniote. L’Africa NON è di merda”. Altri hanno ricordato il ruolo storico avuto dagli Stati Uniti nei problemi del continente. “Presidente Trump, un giorno ti condurrò in un paese ‘di merda’ chiamato Ghana – ha scritto Edmond Prime Sarpong su Facebook – la prima tappa sarà composta dal Castello di Osu, dal Castello Elmina e dagli oltre 40 forti dove sono stati detenuti circa 30 milioni di schiavi, picchiati e imbarcati come barattoli di sardine, e poi ti racconterò la storia dell’Africa e perché le persone come te hanno reso quel continente ‘di merda’”. Il ministro degli Esteri del Botswana, Pelonomi Venson-Moitoi, ha scritto su Twitter come le parole di Trump abbiano inferto un “brutto colpo” alle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti. In una nota ha quindi riferito di aver convocato l’ambasciatore Usa nello Botswana “per esprimere il proprio disappunto” e per “chiedere se gli Stati Uniti considerano ‘di merda’ la nazione nel Sud del continente africano”. Il noto commentatore keniota Patrick Gathara ha dichiarato alla France presse che queste dichiarazioni non rappresentano nulla di nuovo rispetto a un’amministrazione “razzista e ignorante”, ma anche rispetto all’Occidente in generale. “Ciò che è ancora più offensivo è l’ipocrisia di quelli che condannano Trump, e dovrebbe essere condannato, senza esaminare quanto siano offensivi il proprio linguaggio e la propria condotta – ha aggiunto – non è niente di diverso da quello che Hollywood e i media occidentali dicono sull’Africa da decenni: siamo sempre ritratti come persone schifose di paesi di merda”. In Sudafrica, il partito di governo, African National Congress (Anc), ha dichiarato che “il nostro non è un Paese di merda”, bollando come “estremamente offensive” le parole di Trump. “E non è che gli Stati Uniti non abbiano difficoltà – ha detto il vicesegretario dell’Anc, Jessie Duarte – ci sono milioni di disoccupati negli Stati Uniti, milioni di persone che non hanno assistenza sanitaria o accesso all’istruzione e non ci degneremmo di fare commenti sprezzanti come questo”. Non si è invece trattenuto il comico sudafricano Trevor Noah, star di “The Daily Show”, che si è presentato come un cittadino offeso del “Sud di merda”, accusando Trump di razzismo, soprattutto per aver detto di preferire i migranti della Norvegia: “Non ha solo indicato un Paese bianco, ma ha indicato il più bianco, così bianco che usano la crema lunare”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Macron e la Merkel ripartono dall'Ue pensando alle urne

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti