Ranieri è il nuovo allenatore della Samp, 18esima panchina

Ranieri è il nuovo allenatore della Samp, 18esima panchina
Claudio Ranieri
12 ottobre 2019

Claudio Ranieri e’ il nuovo allenatore della Sampdoria. Il tecnico ha firmato alla presenza del presidente, Massimo Ferrero, e sostituisce Eusebio De Francesco che aveva rescisso in via consensuale. Sara’ legato al club blucerchiata fino al 30 giugno 2021. Il primo allenamento e’ previsto per martedi’ pomeriggio nel centro sportivo di Bogliasco. Ranieri trova una situazione difficile con la squadra ferma a 3 punti (una sola e 6 sconfitte) e i malumori dei tifosi per la mancata cessione della societa’ al gruppo Vialli. Per il tecnico romano e’ stato confermato un contratto fino al giugno del 2021, e uno stipendio di circa 1,2 milioni di euro a stagione, quindi approssimativamente 2 milioni di euro per l’esperienza in blucerchiato. Per Ranieri si tratta del 17esimo club che allena nella sua carriera, 18esimo se si considera l’esperienza in Grecia con la nazionale. Inizio’ la propria carriera da allenatore con il Vigor Lamezia nel 1986, per passare al Campania Puteolana in Serie C1. Comincio’ davvero a far parlare di se’ due anni dopo quando ottenne la guida del Cagliari, con cui conquisto’ la Coppia Italia di Serie C, e che porto’ in Serie A nel giro di due anni. Nel 1991 venne quindi ingaggiato dal Napoli, ottenendo una qualificazione in Coppa UEFA, nonostante venne esonerato l’anno successivo dopo la sconfitta in campionato 5-1 contro il Milan.

Leggi anche:
Atalanta show, ma la Lazio rimonta ed è 3-3

Nel 1993, l’allenatore passo’ alla Fiorentina, retrocessa in Serie B. Ranieri riusci’ a garantire alla squadra un ritorno in decima posizione in Serie A, portando i toscani alla vittoria della Coppa Italia nel 1996. La vittoria apri’ le porte ai viola anche alla Supercoppa italiana, che venne vinta contro i campioni d’Italia del Milan. I fiorentini raggiunsero le semifinali europee, ma furono sconfitti dal Barcellona. Nel settembre 1997, decise di allenare la squadra spagnola del Valencia concludendo la prima stagione in nona posizione, e garantendo al club la partecipazione alla Coppa Intertoto 1998. In quest’occasione il Valencia sconfisse in finale l’Austria Salisburgo. Nel 1998-99 il Valencia si qualifico’ quarto per la Champions League della prossima stagione, mentre in UEFA raggiunse solo la 16esima posizione. Nel 1999, Ranieri passo’ per otto mesi all’Atletico, prima di andare in Inghilterra alla guida del Chelsea. Quattro anni dopo raggiunse la semifinale in Champions League (2003-4) e l’argento in Premier League. Venne quindi sostituito da Jose’ Mourinho dalla nuova societa’ di Roman Abramovic. Ranieri torno’ al Valencia nel giugno 2004, ma ne fu esonerato dopo qualche mese nel febbraio 2005, dopo l’eliminazione dalla Coppa UEFA

L’allenatore ritorno’ in Italia solo nel febbraio 2007, quando accetto’ di sostituire Pioli alla guida del Parma, totalizzando in campionato 27 punti in 16 partite. Nel giugno dello stesso anno si accordo’ con la Juventus, con cui conquisto’ il terzo posto nel campionato 2007-8 dietro a Inter e Milan. Nel campionato successivo, dopo un inizio difficile, la Juventus sali’ dal 12esimo al secondo posto. Ma in primavera, a due giornate dal termine e allora in terza posizione, Ranieri fu esonerato a favore di Ciro Ferrara. Il 2 settembre 2009 comincio’ dunque la sua esperienza a capo della Roma, subentrando a Spalletti. Vinse il primo derby il 6 dicembre 2009 e il secondo dopo la sconfitta della Lazio 2-1 il 18 aprile 2010. Il 16 maggio, chiuse il campionato al secondo posto. La stagione successiva tuttavia rappresento’ per Ranieri un periodo poco felice, e dopo la sconfitta 4-3 contro il Genoa, venne sostituito da Vincenzo Montella. Dal 22 settembre 2011 al 26 marzo 2012 Ranieri fu ingaggiato come allenatore dell’Inter, seppur non raggiunse con il club nerazzurro i risultati sperati. Firmo’ dunque con i francesi del Monaco. L’11 maggio 2013 diresse il club in Ligue 1 e l’anno dopo i francesi ottennero un secondo posto in campionato. Firmo’ quindi il 25 luglio 2014 con la nazionale greca, sperando di farle guadagnare un posto agli europei del 2016, ma falli’ nell’incarico.

Leggi anche:
Juve-Bologna 2-1, bianconeri ancora ok con Ronaldo e Pjanic

Il 13 luglio 2015 passo’ al Leicester City tra lo scetticismo generale. Al suo esordio sulla panchina della squadra, porto’ tuttavia a casa una vittoria 4-2 contro il Sunderland. Il 10 aprile 2016 ottenne la prima qualificazione alla Champions League della squadra, che per la prima volta in 132 anni d’esistenza divenne campione d’Inghilterra nel maggio 2016. Questa vittoria fu da molti soprannominata “la piu’ grande impresa sportiva di sempre”. Ranieri ricevette per il suo lavoro al Leicester il 2016 Best FIFA Men’s Coach, il Premio Bearzot e la Palma al merito tecnico d’oro. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella lo insigni’ anche dell’onorificienza di Grande ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana. Dopo un periodo di stallo dopo l’esonero dal Leicester City, Ranieri fu nominato allenatore del Nantes. Ma la squadra non riusci’ a qualificarsi per l’Europa League ne’ a vincere la Coupe de la Ligue o la Coppia di Francia. L’allenatore lascio’ quindi la squadra nella primavera 2018 prima di essere ingaggiato dal Fulham. Risale a questo periodo la clamorosa sconfitta contro l’Oldham che, da giorni senza allenatore, era guidato da un tifoso senza alcuna esperienza in ambito manageriale. L’8 marzo 2019 ha fatto ritorno alla Roma, annunciando tuttavia la fine del proprio lavoro a termine campionato. Ha guadagnato ai giallorossi la sesta posizione in campionato.

Leggi anche:
Lecce gela Milan, per Pioli l'esordio è amaro
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti