Referendum autonomia, la Lombardia sperimenta voto elettronico. Acquistati 24mila tablet

Referendum autonomia, la Lombardia sperimenta voto elettronico. Acquistati 24mila tablet
L'ex presidente della Lombardia, Roberto Maroni
9 ottobre 2017

Il 22 ottobre i cittadini della Lombardia sperimenteranno il voto elettronico in occasione del referendum regionale consultivo sull’autonomia della Regione. Al seggio elettorale non troveranno, infatti, schede, urne e matite copiative, ma 24.000 tablet fatti acquistare per l’occasione dalla giunta guidata da Roberto Maroni. Sarà semplicissimo: basta un tocco sulla schermata, sì, no o scheda bianca, ci sarà una seconda schermata che chiederà conferma perché per legge bisogna consentire a chi ha votato di poter eventualmente cambiare una sola volta. L’unica differenza è che non si potrà annullare la scheda. A chiusura del seggio, alle ore 23, il presidente schiaccerà un pulsante e la macchina stamperà immediatamente la scheda con quanti hanno votato, quanti sì, quanti no e quante schede bianche. Non ci sarà spoglio, rischio di brogli, conosceremo immediatamente i risultati del referendum. Ai 7,7 milioni di elettori lombardi chiamati al voto non sarà chiesta la tessera elettorale, che servirà solo per individuare il seggio, ma solo un documento d’identità.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it

Leggi anche:
Renzi, gruppi Italia Viva annuncio a Camera e Senato martedì


Commenti