Rihanna diffida Donald Trump: “Non usare la mia musica ai comizi”

Rihanna diffida Donald Trump: “Non usare la mia musica ai comizi”
La cantante e stilista Rihanna
6 novembre 2018

Rihanna diffida Donald Trump ad usare la sua musica durante i comizi. Il presidente degli Stati Uniti ha utilizzato “Don’t Stop the Music” della cantante di Barbados durante uno dei suoi incontri elettorali per le elezioni del Midterm a Chattanooga (Tennessee) diffondendolo con gli altoparlanti. La cosa aRihanna non è piaciuta e la cantante si è affidata al suo tema di legali, come prima di lei, hanno già fatto anche Pharrell Williams, Steven Tyler e la famiglia di Prince.

Leggi anche:
Morto Fred Rister, compositore musicale con Dj Guetta

E ancora Mick Jagger e tutta la band dei Rolling Stones, per l`utilizzo di “You can`t always get what you want”, gli eredi dei Beatles per l’uso improprio di “Here comes the Sun”, scritto da George Harrison, e poi i Queen per “We are the champions”, che Trump ha utilizzato nella convention del 18 luglio 2016. Schierati contro Trump anche Taylor Swift, Katy Perry, Lana Del Rey, Miley Cyrus, Beyonce e Lily Allen. Nella lettera di diffida i legali di Rihanna scrivono che “la connessione di composizioni musicali e registrazioni di Rihanna, inclusa la sua hit “Don`t Stop the Music”, con una serie di eventi politici organizzati negli Stati Uniti… crea la falsa impressione che la signora Fenty sia affiliata, collegata o altrimenti associata a Trump…” e aggiungono che Rihanna non ha autorizzato Mr. Trump “a utilizzare la sua musica. Quanto fatto con le sue canzoni, quindi, è improprio”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti