Riso Thai, dalla Thailandia alle nostre tavole. La ricetta

14 settembre 2017

Il riso Thai, noto anche come riso Jasmine, è una varietà di riso originaria della Thailandia. Si riconosce per l’aspetto oblungo dei suoi chicchi – molto simili infatti a quelli del riso basmati – e soprattutto per il marcato e fantastico aroma che emana. Si tratta infatti di una qualità di riso nota e apprezzata specialmente per il suo profumo. Il colore del riso thai, come anche i tempi di cottura, cambiano a seconda delle specifiche varietà. La qualità bianca ha un colore chiaro e cuoce solitamente in breve tempo; è ideale quindi per preparare piatti veloci e poco impegnativi. La varietà nera, così come quella integrale, richiede invece tempi di cottura prolungati e si presta dunque per preparazioni più complesse e articolate. La varietà rossa infine, si caratterizza per tempi di cottura medi ed è consigliata soprattutto per le preparazioni dolciarie.

Ingredienti x 2 persone

– 2 ciotole di riso bianco basmati (circa 150 grammi) cotto
– mezza cipolla
– 2 carote di medie dimensioni
– un mestolo di piselli surgelati (ebbene sì, surgelati)
– 2 uova
– salsa di soia
– pepe + un pizzico di zucchero
– a scelta 50 gr di petto di pollo tagliato o lonza o gamberi

Preparazione

In una pentola antiaderente (meglio se avete un wok) far soffriggere i piselli, la cipolla e le carote (tagliate a cubetti) con 3 cucchiai di olio di semi (meglio se di girasole) + carne o pesce a seconda di cosa avete scelto. Aggiungere le uova sbattute al riso, una volta cotte. Amalgamare il tutto aggiungendo la salsa di soia, lo zucchero, sale e pepe (a fuoco spento potreste anche aggiungere erba cipollina o coriandolo tritato). Consiglio: cuocere il riso un giorno prima.

Leggi anche:
Regione Lazio replica a Pirozzi: informato su fondi sms terremoto. Sindaco Amatrice in Procura


Commenti