Sacchetti bio obbligatori, 85% degli italiani contrari ala misura

3 gennaio 2018

L’85% dei consumatori italiani e’ nettamente contrario alla nuova norma che, a partire dall’1 gennaio, impone che i sacchetti della spesa utilizzati per imbustare frutta e verdura siano a pagamento. Lo afferma il Codacons, che ha svolto una indagine a campione tra i propri iscritti. Abbiamo chiesto ai consumatori cosa ne pensino degli shopper a pagamento nei supermercati e del costo dei sacchetti variabile tra 1 e 3 centesimi di euro, e la stragrande maggioranza degli intervistati (l’85%) ha espresso totale contrarieta’ ritenendo sbagliata tale misura – spiega il Codacons – Gli italiani non hanno affatto gradito la novita’ introdotta lo scorso 1 gennaio, che viene vista dal 69% del campione intervistato come l’ennesima trovata per imporre nuovi costi a carico delle famiglie. Ed effettivamente – spiega il Codacons – la mancanza di soluzioni alternative per i consumatori fa sorgere il sospetto che la misura sia una nuova tassa sui cittadini mascherata da provvedimento ambientale.

Leggi anche:
Sicilia, parlamento mette ordine ai portaborse. Risparmi per oltre 2 milioni

“Non si capisce perche’ il Governo abbia unilateralmente deciso che il costo dei sacchetti sia a carico dei consumatori e non delle catene commerciali o degli esercenti- spiega il presidente Carlo Rienzi- Cosa ancora piu’ incomprensibile e’ il divieto di utilizzare shopper portati da casa o le vecchie borse a rete molto utilizzate in passato, soluzioni che permetterebbero da un lato di ridurre il consumo di plastica e proteggere l’ambiente, dall’altro di evitare inutili costi a carico delle famiglie”. Per tale motivo il Codacons presentera’ domani una diffida al ministero dello Sviluppo economico, affinche’ emani una circolare che autorizzi i consumatori a portare da casa shopper per la spesa o buste trasparenti in grado di verificarne il contenuto. E se non sara’ accolta tale richiesta, l’associazione avviera’ clamorose forme di protesta nei supermercati, lanciando lo sciopero dei sacchetti e spingendo i consumatori a pesare ad uno ad uno i prodotti ortofrutticoli passandoli singolarmente in cassa pur di non pagare l’ingiusto balzello.

Leggi anche:
Roma, uccide il cagnolino lanciandolo dal settimo piano

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti