Sacconi lascia Alfano e approda a Energie per l’Italia. Parisi: adesione strada altarnativa alla sinistra

Sacconi lascia Alfano e approda a Energie per l’Italia. Parisi: adesione strada altarnativa alla sinistra
19 marzo 2017

“Aderisco, dopo due anni di lavoro politico indipendente, al progetto politico di Stefano Parisi che non si risolve in un nuovo piccolo partito”. Ad annunciare la scelta di far parte del progetto Energie per l’Italia e’ il Presidente della Commissione lavoro del Senato Maurizio Sacconi che auspica di essere l’apripista anche per l’intera Ap, la nuova Alternativa Popolare di Angelino Alfano, perche’ sia parte di questo percorso politico. “La crisi del governo che ha riunito dall’inizio della legislatura partiti aderenti al PSE e al PPE, avviatasi con la rottura del patto per le riforme in occasione della elezione del Presidente della Repubblica, si e’ ora definitivamente prodotta – spiega – con la regressione a sinistra del Pd. Si ripropone quindi ancor piu’ la necessita’ di un’area liberalpopolare fortemente identitaria nei principi e nei programmi, impegnata a rappresentare soprattutto i bisogni e le aspirazioni del ceto medio italiano”. Per Sacconi “la speranza di una coalizione di centrodestra con vocazione maggioritaria si realizza nella ineludibile condivisione dei nodi fondamentali della futura azione di governo. In particolare l’adesione all’euro, in un rinnovato contesto istituzionale europeo, e’ imprescindibile per gli straordinari costi economici e sociali che conseguirebbero all’abbandono della moneta unica”.

In sostanza, secondo Sacconi “Energie per l’Italia puo’ concorrere a rinnovare l’offerta politica alternativa a tutte le sinistre, da quella di Renzi al movimento di Grillo, consolidandone il baricentro attraverso la aggregazione dal basso di tutte le aree di ispirazione liberale e popolare. Confido che la stessa Alternativa Popolare vorra’ essere parte di questo percorso”. A braccia aperte Stefano Parisi accoglie Sacconi. in Ei Stefano Parisi. “L’adesione di Maurizio Sacconi a Energie per l’Italia indica una strada chiara a tanti politici che, con passione e qualita’, hanno dedicato la loro esistenza alla politica e al Governo”. Lo scrive su Fb Stefano Parisi, leader di EI, secondo il quale “Le parole con cui Maurizio accompagna questa scelta sono chiare e richiamano alla forte esigenza di ricostruire una rappresenta politica liberale e popolare, fortemente identitaria. Chiaramente alternativa alla sinistra”. “Oggi – prosegue – e’ necessario che tutti coloro che credono in questo progetto si impegnino nella sua realizzazione. Non si puo’ piu’ attendere. Non e’ piu’ tempo di vecchi tatticismi e opportunismi. Oggi e’ il tempo delle decisioni. Oggi costruiamo una nuova stagione della politica italiana. Dobbiamo ridare speranza a chi l’ha persa, dobbiamo recuperare la fiducia degli italiani per la politica. Lo dobbiamo fare unendo le energie di tanti nuovi alla politica con chi ha esperienza e generosamente crede nella necessita’ di rigenerarsi. Finalmente in una comunita’ politica aperta, libera e democratica”, conclude Parisi.

 

Leggi anche:
La Camera celebra 100 anni Aula Basile. Fico: sia la casa di tutti

 

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti