Salvini apre fronte rimpasto, e Conte fa infuriare i leghisti

Salvini apre fronte rimpasto, e Conte fa infuriare i leghisti
Giuseppe Conte
19 luglio 2019

A 48 ore dalla chiusura della ‘finestra’ elettorale va in archivio una nuova giornata di questa strana crisi-non crisi, in cui l’esecutivo pare sempre a un passo dal baratro, senza mai arrivarci. Oggi sembrava si fosse un po’ allentata la tensione tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini, che però, chiedendo di fatto la testa dei ministri pentastellati Danilo Toninelli ed Elisabetta Trenta, ha irritato il premier Giuseppe Conte, finito poi nel mirino dei leghisti.

La cronaca della giornata inizia di buon mattino con Di Maio che, ad “Agorà” su Rai3, tende la mano al collega vicepremier leghista. “Io – assicura – escludo che ci possa essere una crisi perché queste purtroppo sono dinamiche di un governo di due forze politiche che sono diverse, il M5S e la Lega”. Dunque serve trovare una sintesi, con un chiarimento personale. “Credo – la sua proposta – che soprattutto in una giornata come oggi sia giusto incontrarsi con Matteo Salvini. Ci chiariamo, spostiamo qualche appuntamento dal calendario. Ci vediamo. Troviamo come sempre un punto per continuare. Ed andiamo avanti”.

L’incontro però non c’è stato. Salvini, come annunciato, marca la distanza che sente, in questo momento, dall’esecutivo restando lontano da Roma, dal Consiglio dei ministri e dal vertice sulle autonomie, in cui la Lega deve incassare una ‘sconfitta’ sulla scuola, che resterà di competenza statale. Tramite il suo staff, il leader del Carroccio risponde positivamente all’offerta di pace di Di Maio, ma senza deporre le armi. “Ci vedremo sicuramente – afferma – ma a colpi di no l’Italia non può andare avanti. Il problema non è Di Maio, ma la politica dei no e dei blocchi da parte di molti dei 5Stelle”. Per il leader leghista “Di Maio è persona corretta e perbene, ma sono inaccettabili i no e i blocchi quotidiani di opere e riforme da parte dei 5Stelle. Ieri Toninelli (con centinaia di cantieri fermi) che blocca la Gronda di Genova, che toglierebbe migliaia di auto e di tir dalle strade genovesi; oggi il ministro Trenta che propone di mettere in mare altre navi della Marina, rischiando di attrarre nuove partenze e affari per gli scafisti”.

La parola che i leghisti non pronunciano (e anzi ufficialmente smentiscono) è “rimpasto”. In particolare è la Trenta che Salvini e i suoi, dopo i contrasti sui salvataggi in mare dei migranti, vedono come il fumo negli occhi, arrivando ad adombrare un “accordo segreto” della titolare della Difesa con la neo presidente della commissione Ue Ursula Von Der Leyen “per condizionare il voto degli europarlamentari M5s”. E magari, sussurrano, per diventare commissaria Ue. Da parte sua, Conte sparge ottimismo e cerca di allontanare il fantasma della crisi, ma senza risparmiare qualche frecciata a Salvini. “Non è arrivata nessuna richiesta di rimpasto”, spiega in conferenza stampa. Quanto alle critiche a Trenta e Toninelli, assicura, “io sono soddisfatto della mia squadra, stiamo lavorando molto bene. I miei ministri li difendo contro tutti, se qualcuno ha qualche osservazione segua il binario istituzionale”.

Leggi anche:
Zingaretti: Pd unito, piena disponibilità per Governo di svolta

Il premier, che rivela di sentire “spesso” il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ribadisce di non voler “vivacchiare”, anzi, lavorerà anche ad agosto, limitando le ferie a “qualche fine settimana”, perchè “stiamo riformando il Paese”. Parole che irritano i leghisti, che con il capogruppo al Senato Massimiliano Romeo si dicono “esterrefatti” dalla “soddisfazione di Conte“, mentre “l’azione di governo è innegabilmente frenata da incomprensibili no e continui pareri ostativi”. A questo punto l’interrogativo è se Salvini sarà disposto o meno a chiedere ufficialmente la rimozione dei ministri sgraditi, aprendo un percorso la cui destinazione non è prevedibile. Anche perchè, in questa eventualità, anche i pentastellati avrebbero qualcosa da ridire su alcuni esponenti di governo alleati. askanews

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti