Sardegna, M5s spaccato su referendum legge elettorale

Sardegna, M5s spaccato su referendum legge elettorale
Carla Cuccu
25 settembre 2019

Caos nel M5s sardo in Consiglio regionale dopo che due dei sei consiglieri – Carla Cuccu ed Elena Fancello – hanno votato si’ alla mozione della Lega sul referendum, contravvenendo cosi’ alle indicazioni del gruppo. “Non ci aspettavamo questa posizione che va contro il gruppo M5s sardo e contro le direttive del movimento nazionale, ma ne prendiamo atto”, ha dichiarato la capogruppo Desire’ Manca. Il M5s potrebbe prendere provvedimenti? “Certamente – ha spiegato – il Movimento a livello nazionale e’ gia’ informato di quanto accaduto oggi, ma non entro nel merito delle azioni o non azioni dello staff”. Ci sono due precedenti: una settimana fa Cuccu e Fancello hanno presentato una proposta di legge sui disturbi alimentari a doppia firma, senza coinvolgere gli altri quattro colleghi, inoltre hanno firmato un’interrogazione proposta da Francesco Agus (Progressisti), nonostante sia regola del gruppo quella di sottoscrivere tutti le stesse interrogazioni e comunque non quelle altrui.

Una delle due consigliere interessate, Carla Cuccu, motivando il suo voto ha dichiarato che “in un tempo di confusione politica come questa, ritengo sia necessario accendere i riflettori sull’essenza della democrazia e riportare gli italiani alla responsabilita’ di scegliere a quale forza politica delegare il mandato rappresentativo senza frammentare la scelta cosi’ da impedire la stabilita’ governativa”. Cuccu, al contrario di Desire’ Manca, ha sostenuto che nel gruppo “non c’era nessuna indicazione, c’era liberta’ di voto”. Inoltre, “escludo che possano esserci provvedimenti nei nostri confronti perche’ il movimento nasce come forza politica all’interno della quale abbiamo sempre portato a sintesi le diverse istanze concrete dei cittadini in virtu’ delle diverse sensibilita’ che ciascun attivista ha potuto esprimere. Non abbiamo alcun capo bastone che ci chiama e ci dice che cosa dobbiamo fare”. Ma, ha concluso Desire’ Manca, “visto cio’ che si e’ verificato oggi e i due precedenti, evidentemente c’e’ un’intenzione che sta emergendo”. La capogruppo M5s non ha ipotizzato quale, ma secondo indiscrezioni che non trapelano da ambienti pentastellati, le due consigliere starebbero maturando l’idea di approdare in uno dei gruppi di centro.

Leggi anche:
Voto in Calabria, Rubbettino chiude a Zingaretti: "Non mi candido, sinistra dilaniata"
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti