Scontri a Torino tra No Tav e polizia, tre feriti

Scontri a Torino tra No Tav e polizia, tre feriti
2 maggio 2019

Tensioni al corteo del Primo Maggio a Torino, dove la polizia ha bloccato, con una carica e manganellate, un gruppo di No Tav che da piazza Vittorio stava cercando di raggiungere la testa del corteo passando dai portici di via Po. C’e’ stato qualche spintone, e il movimento No Tav ha gridato “vergogna, fuori la Digos dal corteo”. Poi sono scoppiate tensioni tra forze dell’ordine e un gruppo di No Tav. Scontri e tafferugli in seguito ai quali due manifestanti e un poliziotto sono rimasti feriti, non gravemente, mentre altre persone sono rimaste contuse o lievemente ferite. Ma tensioni e scambi di accuse tra Pd e M5s hanno caratterizzato una buona parte del corteo torinese.

“Un gruppo di manifestanti No Tav, tra cui consiglieri comunali e regionali del M5S hanno aggredito verbalmente e fisicamente esponenti e militanti del Pd prima di essere allontanati dalle forze dell’ordine”, accusa Davide Gariglio, deputato Pd presente alla manifestazione nel capoluogo piemontese. Mentre di ‘vergognosa carica a freddò parla Damiano Carretto, consigliere comunale dei 5 Stelle di Torino, che è stato colpito alla testa e a una mano durante gli scontri fra la polizia e i manifestanti No Tav. Insulti e spintoni e accuse dal movimento: “Ci hanno preso a cinghiate, pugni e bastonate. Il Pd ha assoldato i picchiatori”. Decine di No Tav gridano “Fuori il Pd dal corteo!”.

Leggi anche:
Israele riprende omicidi mirati, pioggia razzi da Gaza. Israeliani colpiscono abitazione leader della Jihad islamica
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti