Sesso, il 73% delle donne italiane non raggiunge l’orgasmo

24 maggio 2014

Per le donne italiane, in un rapporto sessuale, l’orgasmo non e’ un risultato scontato. Il 73 per cento del gentil sesso, infatti, non lo raggiunge sempre. Addirittura il 20 per cento lo raggiunge meno della meta’ delle volte. Questo e’ uno dei dati emersi da una ricerca condotta dall’Osservatorio di Tradapharma, in collaborazione con Doxa Duepuntozero, sulle abitudini e i falsi miti degli italiani sotto le lenzuola. La ricerca ha coinvolto 1.500 persone, uomini e donne, in un’eta’ compresa tra i 25 e i 65 anni.

Spesso la causa del mancato raggiungimento della apice del piacere sessuale da parte delle donne riguarda le performance maschili: l’uomo arriva al traguardo troppo velocemente (lo pensano il 69 per cento degli uomini contro il 61 per cento delle donne) oppure non riesce a mantenere l’erezione durante l’intero rapporto (il 46 per cento contro il 33 per cento), problema evidente gia’ a partire dai 35 anni (48 per cento). Per quanto riguarda le cause che possono minare la soddisfazione sessuale della coppia, quello che influisce maggiormente in modo negativo, secondo la ricerca, e’ il calo del desiderio da parte di uno dei due partner: lo pensano sia gli uomini (74 per cento) che le donne (76 per cento). Il calo del desiderio e’ giudicato un problema serio soprattutto dagli over 54 anni (83 per cento) oppure da quegli uomini che sono impegnati in una relazione da piu’ di 20 anni (79 per cento). Quando accade qualche problema o defaillance, 1 uomo su 4 non ne parla con la propria compagna.

Sul versante femminile, la situazione e’ anche peggiore, poiche’ una donna su tre non parla al suo uomo dei problemi che le sono accaduti durante il rapporto sessuale, con conseguenze importanti sul benessere sessuale della coppia. “I dati di questa ricerca – ha spiegato Fabrizio Iacono, docente di Urologia presso l’Universita’ Federico II di Napoli – sono confermati anche dai nostri studi. La sessualita’ e’ un mix di elementi che va dalla prevenzione alla complicita’ al dialogo di coppia all’affrontare in maniera consapevole le proprie defiance. Il 70 per cento dei casi di deficit erettili non sono altro che disfunzioni sessuali che possono essere risolte in maniera non invasiva, con cambi di stile di vita, con una maggiore attivita’ sportiva e l’introduzione, nella propria dieta, di alcuni integratori alimentari”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti