A settembre sull’Iss primo astronauta arabo della storia

Loading the player...
15 aprile 2019

Si chiamano Hazzaa Al Mansoori, 34 anni e Sultan Al Neyadi, 37 anni e sono rispettivamente il primo astronauta degli Emirati Arabi Uniti della storia e il suo backup. I due giovani astronauti, scelti dopo una durissima selezione tra oltre 4mila candidati, sono in addestramento a Starcity, alle porte di Mosca. La missione di Al Mansoori è prevista per il 25 settembre 2019. Non si tratterà di una missione di lunga durata; l’astronauta, infatti, resterà nello Spazio solo 8 giorni; partirà da Baikonur, in Kazakhstan, con la navetta Sojuz Ms-15 e ritornerà sulla Terra il 3 ottobre 2019 con la Sojuz Ms-12.

A bordo della Iss s’incontrerà anche con il l’astronauta italiano dell’Esa e pilota sperimentatore dell’Aeronautica militare, Luca Parmitano, in orbita per la missione “Beyond” dell’Esa, sua seconda missione di lunga durata sulla base orbitante dopo “Volare” dell’Asi del 2013. A Dubai, ovviamente, c’è grande fermento per questa prima storica missione umana nello Spazio per un cittadino degli Emirati, come hanno sottolineato con comprensibile soddisfazione lo sceicco Muhammad bin Rashid Al Maktum, vice presidente, primo ministro e governatore di Dubai e lo Sceicco Khalifa bin Zayed Al Nahyan, principe ereditario di Abu Dhabi e comandante supremo delle Forze armate degli Emirati. I due astronauti infatti, saranno soprattutto un esempio e un modello per le nuove generazioni.

Leggi anche:
Siria, Pence e Pompeo ad Ankara per chiedere cessate il fuoco. Erdogan "getta nella spazzatura" la lettera di Trump

Al Mansoori sarà, dunque, il primo astronauta arabo della storia a raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale e durante la sua missione trasmetterà un tour dell’ISS in arabo, mostrando i diversi moduli della Stazione e i suoi equipaggiamenti. A bordo svolgerà osservazioni della Terra, interagirà con le stazioni al suolo, condividerà informazioni e documenterà la vita dei suoi colleghi. L’astronauta effettuerà anche studi sulla fisiologia umana e sugli effetti della microgravità con 15 esperimenti scientifici selezionati tramite un concorso rivolto agli studenti emiratini. Al Manssoori è un pilota militare sperimentatore, istruttore e dimostratore sugli F16. Al Neyadi, invece, è un ingegnere con dottorato in Information Technology e master in Information and Networks Security.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti