Sindaci lunedì da Conte, servono tre modifiche a legge Salvini. Ma il ministro non molla (finora)

Sindaci lunedì da Conte, servono tre modifiche a legge Salvini. Ma il ministro non molla (finora)
Antonio Decaro (s) e Giuseppe Conte
10 gennaio 2019

Conservare l`accesso allo Sprar dei soggetti vulnerabili, in particolare i minori; l`applicazione di modalità uniformi per la presa in carico dei richiedenti asilo da parte delle Asl; il riconoscimento del diritto per i Comuni di conoscere numero, età e sesso delle persone ospiti nei centri di accoglienza. Su queste tri approfondimenti tecnici, oggi l’Anci ha ritrovato una forte unità dopo una settimana di tensioni che ha spinto più di 400 sindaci di centrodestra a chiedere al presidente dell’Anci, Antonio Decaro, di convocare un comitato direttivo dell’associazione dopo che alcuni sindaci (Orlando e De Magistris in testa) si era pesantemente scagliato contro le misure contenute nella legge Salvini sulla sicurezza.

Leggi anche:
Rientra per ora scontro su flat tax, Di Maio: "E' in contratto"

Lunedì mattina, dopo le 12, i sindaci saliranno a Palazzo Chigi dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, cercando di trovare una sponda su queste richieste di chiarimento tecnico dopo che ancora oggi il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha nuovamente escluso ogni possibilità di modifica. “L`Anci non non assume posizioni politiche e non si fa trascinare in campagna elettorale. Sul decreto sicurezza mai l`associazione dei Comuni ha inteso intaccarne l’impianto politico. Questo assunto, per me sempre chiaro, è stato ristabilito collettivamente durante i lavori del comitato direttivo che ho presieduto oggi” ha spiegato Antonio Decaro, al termine dell`organismo dell`associazione alla quale hanno partecipato circa cento sindaci, tra i quali quasi tutti i primi cittadini delle città maggiori, 27 dei quali hanno preso la parola.

“Ho ricevuto il mandato pieno dal direttivo dell`associazione – riferisce Decaro – di presentare tre approfondimenti tecnici per ridurre l`impatto sui territori dell`applicazione del provvedimento. Della questione si occuperà una commissione interna rappresentativa delle diverse sensibilità politiche che porterà i risultati del suo lavoro al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, quando lunedì incontrerà una nostra delegazione sia sul dl sicurezza che sulla legge di bilancio”. I tre aspetti che il tavolo di lavoro, con mandato unanime del comitato direttivo, affronterà sono: conservare l`accesso allo Sprar dei soggetti vulnerabili (“lo stesso ministero dell`Interno – ha rilevato Decaro – con una circolare ha invitato a sorvegliare l`uscita dagli Sprar”); l`applicazione di modalità uniformi per la presa in carico dei richiedenti asilo da parte delle Asl; il riconoscimento del diritto per i Comuni di conoscere numero, età e sesso delle persone ospiti nei centri di accoglienza.

Leggi anche:
Casarini, il rivoluzionario di professione: dai social forum ai barconi

“E` vero che il decreto fissa un termine di sei mesi per il riconoscimento dello status di rifugiato, ma sappiamo bene – ha evidenziato – che servono dai due ai tre anni per ottenere una risposta. Per questo è opportuno che, oltre la questura, anche gli amministratori abbiano informazioni sulla composizione dei nuclei familiari e sul turnover delle persone accolte perché dobbiamo essere in grado di programmare le nostre politiche sul territorio”. Infine, secondo l`Anci va fatta chiarezza anche sulla questione dei rimborsi assegnati ai Comuni per la gestione dei minori stranieri non accompagnati perché con 45 euro non è possibile coprire i costi da parte dei sindaci”. Il direttivo si è occupato anche della legge di bilancio. Decaro ha ribadito che, malgrado alcune misure favorevoli come il ripristino dei fondi per il bando periferie, lo svincolo degli avanzi e lo stanziamento di 400 milioni per i piccoli Comuni, la spesa di parte corrente prevede nuovi tagli.

“Come Associazione – ha ribadito Decaro – chiederemo un provvedimento urgente per evitare contenziosi e assicurare maggiori spazi di manovra. Le risorse sono fondamentali per assicurare il ruolo dei Comuni nella ripresa economica e nella gestione dei servizi locali”. Nello specifico le richieste dell`Anci riguardano: i 300 milioni di ristoro delle risorse venute meno nel passaggio dall`Imu alla Tasi (attualmente ne sono assegnati 190) il cui utilizzo non deve essere limitato alla parte di bilancio destinata agli investimenti; il mantenimento della percentuale di accantonamento per il Fondo crediti dubbi esigibilità al 75%, in caso di rispetto dell`obiettivo di migliorare la capacità di riscossione, o in caso contrario all`80%; anticipazione tesoreria a 5/12; abolizione della sanzione accantonamento obbligatorio per tempi pagamento; apertura di un nuovo riaccertamento straordinario; recupero di 560 milioni del taglio del dl 66 in modo graduale.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti