Stazione radio in stato di degrado, Marconi la realizzò 114 anni fa

Stazione radio in stato di degrado, Marconi la realizzò 114 anni fa
19 gennaio 2019

Oggi, 19 gennaio 2019,  la stazione radio di Guglielmo Marconi compie 114 anni. Si trova a Coltano, nei pressi di Pisa, ormai in stato di degrado. Era infatti il 1902 quando, Guglielmo Marconi, l’inventore della radio, italiano illustre che ha rivoluzionato la storia del mondo, decise di costruirla. Una radiostazione in grado di effettuare collegamenti con l’America e con le colonie dell’Africa Orientale. Poi, tre anni più tardi, iniziarono i lavori nella località di Coltano, tra Pisa e Livorno. Insomma una vera rivoluzione per quella che è stata la prima stazione intercontinentale in Italia e una fra le primissime al mondo. Ora il sito e la palazzina marconiana sono stati acquisiti dal Comune di Pisa con l’idea di farlo diventare un museo delle telecomunicazioni.

Leggi anche:
Malaria Day, lo spot "La malaria viaggia anche in prima classe"

Entrò in funzione nel 1911 e venne definita dal New York Times come la più potente al mondo: grazie al suo potente segnale riusciva a coprire circa un sesto della superficie terrestre. E non solo: è stata la prima stazione ad inviare un segnale che oltrepassava l’intero deserto del Sahara riuscendo a raggiungere Massaua, in Eritrea. Mentre cessò il funzionamento allo scoppio della seconda guerra mondiale. L’area fu colpita dai bombardamenti e dalle devastazioni nell’estate del 1944. Secondo uno studio condotto da Filippo Giannetti, docente di Telecomunicazioni al Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa e anche grande appassionato della figura di Gugliemo Marconi, esisterebbe una stazione “gemella” di quella di Coltano, che avrebbe la stessa struttura del sistema di antenne, e che è stata installata nel 1914 nelle isole Hawaii. La palazzina e l’intero sito di Coltano sono adesso in attesa di un progetto di recupero.

Leggi anche:
Dermatite atopica, epidemiologia e impatto socio-economico

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti