Studentessa violentata a Firenze, fermato un romeno

Studentessa violentata a Firenze, fermato un romeno
24 settembre 2018

Svolta nelle indagini sulla ragazza di 21 anni picchiata e violentata la notte scorsa a Firenze. Per l’episodio, avvenuto poco dopo mezzanotte alla periferia Sud della citta’ la polizia ha fermato un romeno di 25 anni senza fissa dimora. Pesantissime l’accusa: violenza sessuale aggravata. La ragazza, di origine mongola e in citta’ per motivi di studio, ha raccontato alla polizia che l’aggressione sarebbe avvenuta mentre stava camminando su una rampa sotto il viadotto del Varlugno, per raggiungere la casa di un’amica. L’uomo l’avrebbe avvicinata e presa a pugni e poi avrebbe abusato di lei.

Leggi anche:
Tragedia sulle Dolomiti, morti due alpinisti veneti

Non appena lo stupratore se n’e’ andato, la vittima ha chiamato la polizia e poco dopo e’ stata accompagnata in ospedale, dove le sono state riscontrate lesioni su diverse parti del corpo. Il 25enne e’ stato rintracciato dalla squadra mobile di Firenze in uno stabile abbandonato, dove probabilmente vive. Nel punto in cui e’ avvenuta la violenza e’ stato rinvenuto un marsupio contenente i suoi documenti. Solidarieta’ dal sindaco Dario Nardella.

Leggi anche:
Laura Pausini testimonial delle bambole per i malati oncologici

“Siamo vicini alla vittima della violenza sessuale avvenuta la scorsa notte a Firenze. Alla giovane, che ha scelto la nostra citta’ per studiare, vanno la massima solidarieta’ e la volonta’ di aiutarla nei modi e nei tempi che saranno possibili”, ha detto Nardella, che ha ringraziato “la Polizia di Stato e la Procura per la rapidita’ con cui hanno individuato e fermato il presunto colpevole. Ora ci aspettiamo – ha concluso il sindaco – la massima severita’ perche’ paghi per quello che ha fatto fino in fondo. Firenze, ancora una volta, dice basta alla violenza sulle donne”.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti