Superstipendio e posto sicuro, dopo 16 anni arriva il concorsone a Montecitorio

Superstipendio e posto sicuro, dopo 16 anni arriva il concorsone a Montecitorio
13 febbraio 2018

Dopo sedici anni di assunzioni bloccate arriva il concorsone a Montecitorio. L’Ufficio di presidenza della Camera dei deputati approva (“casualmente” in piena campagna elettorale) i bandi pubblici per trovare nuovi consiglieri parlamentari e documentaristi. Due categorie molto ambite, per cui attualmente sono previsti compensi che oscillano, dopo vent’anni di lavoro, tra i 150 mila e i 230 mila euro (anche se per i nuovi assunti è prevista una riduzione del 20 per cento). L’Amministrazione ha compiuto un’attività di ricognizione dei fabbisogni organici, necessaria per procedere al reclutamento del nuovo personale e ha sottoposto il documento ai sindacati. E proprio i sindacati hanno ritenuto sovrastimato il fabbisogno, considerandolo “abnorme e sovradimensionato”. Troppe assunzioni, insomma. Nel documento preparato dalle organizzazioni dei lavoratori si ribadisce la necessità di nuovo personale. Si spiega, infatti, che a causa del blocco dei concorsi e dell’andamento dei pensionamenti “il numero dei dipendenti in servizio è drasticamente diminuito nel corso del decennio appena trascorso, passando dalle 1.839 unità presenti alla data del 31 dicembre 2007 alle 1.126 unità in servizio alla data del 1° gennaio 2018”. Eppure si precisa anche che la quantificazione del fabbisogno è eccessiva. Lo confermano alcuni fattori, tra i quali “l’elevato rapporto consiglieri/dipendenti che passerebbe da 1 consigliere di professione generale ogni 13 dipendenti del 2007 ad 1 consigliere ogni 8 dipendenti alla luce del fabbisogno minimo e massimo ipotizzato. Una quantificazione – precisano i sindacati – che risulta per di più eccessiva, in quanto in contraddizione con lo svolgimento di funzioni manageriali e gestionali, a cui fa riferimento lo stesso documento amministrativo”. Non solo. Anche il piano per il personale già previsto dal Senato mostra come le posizioni immaginate da Montecitorio siano troppe. “Il numero dei consiglieri definito nella pianta organica del Senato è pari a 125 unità: in regime di bicameralismo perfetto in cui ciascun ramo del Parlamento è chiamato a svolgere le medesime funzioni e i medesimi compiti appare sintomo di inefficienza e diseconomia organizzativa della Camera la fissazione di un fabbisogno minimo e massimo superiore rispettivamente del 36% e del 52%”. Insomma, sarebbe meglio seguire il modello applicato da Palazzo Madama. I sindacati infine, pur dando una valutazione positiva del piano di assunzioni, precisano altre due criticità: “l’assenza di un progetto di aggiornamento del ruolo e delle funzioni dei dipendenti della Camera e l’eccessivo e deleterio peso che viene dato allo strumento delle esternalizzazioni”. Il concorso, che dovrebbe cominciare tra maggio e giugno, prevederà una prova di cultura generale, poi altre prove scritte e una orale. Nei prossimi giorni sarà definita la procedura nello specifico.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche:
Sicilia, la burocrazia da 4 anni blocca un progetto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti