Svolta in Irlanda, 70% sì all’aborto. Il premier: “Il popolo ha chiesto Costituzione moderna”

Svolta in Irlanda, 70% sì all’aborto. Il premier: “Il popolo ha chiesto Costituzione moderna”
Aborto, storico referendum in Irlanda
26 maggio 2018

Svolta sull’aborto in Irlanda: nel referendum per abolire l’emendamento 8 della Costituzione che finora lo proibiva, il si’ ha vinto con quasi il 70% di voti, stando agli exit poll e ai dati parziali, aprendo la strada a una legge piu’ permissiva sull’interruzione volontaria di gravidanza nel Paese a netta maggioranza cattolica. Finora era possibile abortire solo in caso di pericolo per la vita della madre. Il premier, Leo Varadkar, ha sottolineato la “clamorosa” affermazione del si’ e ha promesso una legge entro l’anno: “E’ stato il culmine di una rivoluzione tranquilla, che si e’ sviluppata in Irlanda negli ultimi 10 o 20 anni”, ha affermato il ‘taoiseach’, “il popolo ha parlato e ha chiesto una Costituzione moderna per un Paese moderno”.

John McGuirk, portavoce degli anti-abortisti di ‘Save the 8th’, ha osservato amaramente che “i bambini non ancora nati non hanno piu’ il riconoscimento del diritto alla vita da parte dello Stato. Presto verra’ approvata una legge che permettera’ di uccidere i bambini nel nostro Paese”. Il referendum chiedeva l’abolizione dell’ottavo emendamento della costituzione irlandese, che sanciva “pari diritto alla vita” per la madre e il feto. Una norma che ha finito per non tutelare la salute della madre, come accaduto per il dramma di Savita Halappanavar, l’immigrata indiana che mori’ nel 2012 perche’ i medici non vollero intervenire su un aborto spontaneo che era in corso. E proprio il premier Varadkar, di madre irlandese e padre indiano, era stato tra i primi sostenitori del si’.

Ora il Da’il, il Parlamento irlandese, potra’ legiferare con una normativa piu’ morbida. Il governo pensa a una legge che permetta l’aborto entro la 12ma settimana di gravidanza ed e’ possibile un effetto domino anche sull’Irlanda del nord, dove l’aborto e’ consentito solo in caso di rischio per la vita o la salute mentale della madre e si rischia l’ergastolo se si interrompe una gravidanza in modo clandestino. Ora le donne dell’Ulster potranno recarsi ad abortire in Irlanda, visto che dal 1992 e’ possibile abortire all’estero. A favore dell’abolizione dell’ottavo emendamento hanno votato soprattutto i giovani e gli abitanti della capitale, Dublino, dove il si’ ha sfiorato l’80%. dai dati parziali emerge che il si’ e’ al 68% e il al 32% e in tutte e nelle prime sette circoscrizioni che hanno completato lo spoglio (su 40), si e’ affermato il si’.

Leggi anche:
Riesplode la guerra dei dazi Usa-Cina, crollano le Borse. Trump attacca la Fed e Xi
Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti