A Tokyo 2020 la sicurezza affidata al riconoscimento facciale

Loading the player...
7 agosto 2018

Gli atleti, lo staff, i volontari e i giornalisti che parteciperanno alle Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo 2020 dovranno metterci la faccia. Per la prima volta nella storia dei Giochi, la sicurezza sarà affidata a un sistema di riconoscimento facciale.

“I terminal saranno disposti all’entrata dei siti olimpici per regolare il flusso delle 300mila persone registrate”, ha spiegato Masaaki Suganuma vicepresidente della NEC corporation che si è occupata del sistema. La nuova tecnologia impiega solo 3 decimi di secondo per abbinare la faccia alla foto e all’identità pre-registrate.

Alla prova dei fatti, l’accesso con questo sistema si è dimostrato 2 volte e mezzo più veloce di quello tramite codici a barre o controlli visivi. I controlli facciali saranno obbligatori per accedere alle strutture di gara, agli alloggi degli atleti e ai centri per la stampa, ma solo per gli addetti ai lavori. Gli spettatori dovranno affrontare solo i controlli tradizionali.

Leggi anche:
Maltempo, grandine e allagamenti: Roma bloccata

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti