Il trailer di #AnneFrank. Vite parallele, con Helen Mirren

Il trailer di #AnneFrank. Vite parallele, con Helen Mirren
20 settembre 2019

Sarà Helen Mirren, Premio Oscar come migliore attrice per “The Queen”, la guida d`eccezione del documentario #AnneFrank. Vite parallele, scritto e diretto da Sabina Fedeli e Anna Migotto, con la colonna sonora di Lele Marchitelli, prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital in collaborazione con l`Anne Frank Fonds di Basilea, Sky Arte il Piccolo Teatro di Milano-Teatro d`Europa, in uscita nei cinema italiani l`11, 12 e 13 novembre (elenco sale a breve su nexodigital.it).

Anne Frank, nata a Francoforte il 12 giugno 1929, quest`anno avrebbe compiuto 90 anni. Il docu-film a lei dedicato la racconta attraverso le pagine del suo diario, dove scriveva di sé, di ciò che accadeva nell’Europa in fiamme, del Nazismo. La storia di Anne si intreccia con quella di 5 sopravvissute all`Olocausto, bambine e adolescenti come lei, con la stessa voglia di vivere e lo stesso coraggio: Arianna Szörenyi, Sarah Lichtsztejn-Montard, Helga Weiss e le sorelle Andra e Tatiana Bucci.

Helen Mirren accompagna gli spettatori nella storia di Anne attraverso le parole del diario. Il set è la camera del rifugio segreto di Amsterdam in cui la ragazzina resta nascosta per oltre due anni. È stata ricostruita nei minimi dettagli dagli scenografi del Piccolo Teatro di Milano-Teatro d`Europa. Una straordinaria e dettagliata ricostruzione ambientale che ci riporterà al 1942. Nella stanza ci sono gli oggetti della sua vita, le fotografie con cui aveva tappezzato le pareti, i quaderni su cui scriveva. Una giovane attrice, interpretata da Martina Gatti, ha invece il ruolo di guidarci nei luoghi di Anne e delle superstiti della Shoah. È lei a viaggiare per l’Europa alla scoperta delle tappe della breve vita di Anne.

Leggi anche:
Diario dal Red Carpet, Guido Lombardi tra Fanny Ardant e Mira Sorvino

È una giovane di oggi che vuole conoscere la storia dell`adolescente ebrea diventata simbolo della più grande tragedia del `900 e ci parla soprattutto attraverso i social. Sono le foto e i post il suo linguaggio. Attraverso questi, la Gatti racconta e interpreta quello che scopre, quello che vede, dal campo di concentramento di Bergen-Belsen in Germania (dove Anne e sua sorella Margot muoiono) al Memoriale della Shoah di Parigi, fino alla visita nel rifugio segreto nella capitale olandese. Martina scrive una sorta di diario digitale capace di parlare ai suoi coetanei: un modo immediato per mettere in relazione le tragedie passate con il presente, di capire quale sia oggi l`antidoto contro ogni forma di razzismo, discriminazione e antisemitismo.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti