Venezuela firmerà accordi con la Russia. Berlino non riconosce “ambasciatore” di Guaido’

Venezuela firmerà accordi con la Russia. Berlino non riconosce “ambasciatore” di Guaido’
Il presidente della Russia, Vladimir Putin (d) e il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro al Cremlino
27 marzo 2019

Il Venezuela e la Russia firmeranno in aprile oltre 20 accordi di cooperazione in settori di comune interesse. Lo ha rivelato oggi il presidente Nicolas Maduro. In una intervista a ‘Channel One’ di Mosca, il capo dello Stato venezuelano ha detto: “In aprile si svolgera’ una sessione di lavoro di alto livello riguardante la cooperazione intergovernativa. Firmeremo piu’ di 20 documenti riguardanti economia, commercio, cultura, energia e istruzione”.

Maduro ha assicurato inoltre che negli ultimi 20 anni le relazioni fra Venezuela e Russia si sono molto rafforzate. “La nostra cooperazione – ha aggiunto – e’ reciprocamente vantaggiosa, e i nostri rapporti col passare del tempo possono solo migliorare”. Infine il leader chavista ha ringraziato la Russia per l’assistenza umanitaria fornita ricordando che “due settimane fa ci e’ pervenuto un vero sostegno umanitario di varie tonnellate e presto ne giungera’ un altro con molti farmaci”.

Leggi anche:
Autonomia, Conte vede "dirittura finale". Governatori: così è no

Intanto, Berlino non riconosce ufficialmente l'”ambasciatore” del presidente ad interim autoproclamato Juan Guaido’. In risposta ad un’interrogazione della Linke, il partito della sinistra, il ministero degli Esteri tedesco afferma che il rappresentante diplomatico del capo dell’opposizione venezuelana, Otto Gebauer, non verra’ accreditato come ambasciatore. Si ricorda altresi’ che Gebauer e’ stato gia’ ricevuto lo scorso 13 marzo come “rappresentante personale del presidente ad interim Guaido'” e che le autorita’ tedesche continueranno a intrattenere colloqui con lui, anche se “non sono previsti ulteriori passi”.

Era stata la Neue Osnabruecker Zeitung a riferire del caso, aggiungendo che la Spagna aveva manifestato la propria convinzione che i rappresentanti di Guaido’ non dovessero ottenere nell’Ue alcuno status diplomatico. I Paesi dell’Unione europea attualmente sono concordi nel non disconoscere i rappresentanti diplomatici del governo Maduro. Sono circa 50 i Paesi della comunita’ internazionale che hanno riconosciuto Juan Guaido’ come capo di Stato ad interim del Venezuela.

Segui ilfogliettone.it su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilfogliettone.it



Commenti